Torino, Cairo su Mazzarri: "Sa fare il suo mestiere". E sull'Europa League...

Cairo: “I preliminari di Europa League hanno creato problemi”

di Andrea Flora - 24 Ottobre 2019

Cairo a margine della presentazione del Giro d’Italia 2020 difende il mister Mazzarri dopo i recenti risultati negativi e le voci su una rotture del rapporto

A margine della presentazione del Giro d’Italia 2020 il presidente del Torino Urbano Cairo ha parlato ancora una volta dell’allenatore granata Walter Mazzarri e ha riconfermanto la propria fiducia per quanto riguarda le scelte di campo e di formazione: “Mazzarri sa fare il suo mestiere, non dobbiamo mettere in campo noi la squadra. Non è mai il numero di attaccanti a determinare il coraggio o il numero di gol che segni, magari ne schieri troppi in campo e si pestano i piedi. Come ha detto lui recentemente, bisogna schierare i giocatori più in forma. L’obiettivo? Giocare una grande partita contro il Cagliari”. Sulla rosa del Torino ha poi aggiunto: “La rosa ha buonissimi valori e grandi capacità, ma serve la voglia di essere continui senza sottovalutare alcun avversario”.

Cairo: “Preliminari di Europa League hanno creato problemi”

Il numero uno del Torino Cairo ha analizzato l’inizio non entusiasmante dei granata in campionato partendo da quello che secondo il patron è il colpevole numero uno di una preparazione non eccellente come gli altri anni: i preliminari di Europa League: “La nostra stagione è iniziata in anticipo per i preliminari di Europa League, creando problemi nella preparazione. Però c’è voglia da parte di tutti di migliorarsi con il lavoro, serve compattezza per riprendere un certo cammino e ognuno deve dare il proprio contributo”.

più nuovi più vecchi
Notificami
Bagna cauda
Utente
Bagna cauda

Errata corrige
etero non eterno

Bagna cauda
Utente
Bagna cauda

GD sei un coglion_e, eterno ma pur sempre coglion_e come il tuo presidente del resto.

rotor
Utente
rotor

Ormai il nostro campionato e’ finito e andra’ di lusso se non verremo coinvolti nella lotta per non retrocedere.