Rafa Mir è un attaccante spagnolo “figlio d’arte”, infatti il papà Magin è stato un difensore che ha giocato anche nell’Elche

Ci sono diversi giocatori che hanno scelto di fare i calciatori perché lo sono stati i loro padri. E per questo motivo vengono definiti “figli d’arte”. Tra di loro c’è Rafael Mir Vincente, meglio noto come Rafa Mir. Attaccante spagnolo nato a Murcia il 18 giugno 1997. Cresciuto nelle giovanili del Barcellona, del Real Murcia e del Valencia, ha esordito tra i professionisti proprio con addosso la maglia dei pipistrelli il 24 novembre 2015 in occasione della partita di Champions League contro il Zenit San Pietroburgo. Dunque un esordio con il botto, in una competizione importantissima, ma non del tutto positivo perché quel match è stato vinto 2-0 dal club russo. Rafa Mir non è riuscito a convincere il Valencia a puntare su di lui e così nella finestra di calciomercato invernale del 2018 è stato ceduto al Wolverhampton. Poi il 23 luglio 2018 è passato in prestito al Las Palmas. Nel luglio del 2019 un altro trasferimento, sempre in prestito, questa volta al Nottingham Forest. L’attaccante spagnolo con i reds non è riuscito a trovare molto spazio, così viene rescisso il prestito e il Wolverhampton lo cede in prestito all’Huesca. Il 20 agosto 2021 viene ceduto a titolo definitivo al Siviglia dove milita tutt’ora.

Rafa Mir: la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Tokyo 2020

C’è anche da ricordare che Rafa Mir con la sua Spagna nel 2021 ha vinto l’Europeo Under 21. E nel giugno 2021 è stato convocato dalla nazionale olimpica per i Giochi di Tokyo 2020. In tale manifestazione ha conquistato la medaglia d’argento a seguito della finale persa 2-1 ai tempi supplementari contro la nazionale olimpica brasiliana. Per l’attaccante classe 1997 questi sono stati senza alcun ombra di dubbio due traguardi importanti che hanno arricchito il suo bagaglio personale e professionale.

Le caratteristiche e le qualità del giocatore cresciuto nelle giovanili del Valencia

Rafa Mir, alto 191 cm, è dotato di una grande forza fisica ed è molto dinamico. Lo spagnolo ex Wolverhampton non è un centroavanti che resta ad aspettare il pallone in area, ma spesso va lui a prendersi il pallone. Comunque sotto certi aspetti è un po’ carente e deve migliorare, come per esempio nella partecipazione alla manovra di squadra. In questo e su altri punti deboli dovrà lavorare molto se vorrà diventare sempre più un giocatore importante. Comunque i margini di miglioramento ci sono tutti.

Rafa Mir
Rafa Mir
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-01-2024


22 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
James 75
James 75
30 giorni fa

Rafa Mir, per chi ha detto che è scarso, notizia dell’ultima ora,probabilmente non viene più ha offerte da squadre più importanti di noi,contenti? E tenetevi Pellegri.. Karamoh e Sanabria

James 75
James 75
1 mese fa

E il laterale sinistro?

James 75
James 75
1 mese fa

È un gran bel giocatore, che ha giocato Champions league con il Valencia e vinto l’europa league con il Siviglia, alto 1,91 cm ma molto mobile e tecnico, NETTAMENTE SUPERIORE A PELLEGRI A SANABRIA E SICURAMENTE DI QUALITÀ SUPERIORE A TUTTA LA. NOSTRA ROSA, MA COME ANGELINO NON HA FIRMATO… Leggi il resto »

Torino, Juric va a caccia della sua prima vittoria contro Ranieri

“Contro il Frosinone era rigore netto per il Torino”