Tante questioni da risolvere, dal portiere a un centrocampo prosciugato da addii pesanti: ecco l’attuale undici di Juric

Manca poco più di un mese al fischio d’inizio del nuovo campionato. Difficile fare previsioni su quale squadra schiererà Ivan Juric nella trasferta del suo Torino a Monza. Con il mercato ancora in fase embrionale l’undici titolare si può soltanto ipotizzare. Il quadro che al momento si può presentare non è certo tra i più entusiasmanti. Appaiono palesi quelle che sono le mancanze che attanagliano, chi più chi meno, tutti i reparti. Tra mancati riscatti e rinnovi di contratto è un Toro scheletrico, ridotto ai minimi termini. A cominciare dal portiere. Al momento il titolare è senza dubbio Berisha. L’attuale secondo Milinkovic-Savic è un sicuro partente, ma di certo l’estremo difensore albanese si è rivelato tutt’altro che una garanzia, essendosi reso protagonista di una serie di alti e bassi. Non proprio lo scenario ideale per uno dei punti nevralgici di una formazione che punta a far meglio della stagione precedente. Chissà se il mercato, da qui al 12 agosto, cambierà qualcosa. Dopo il mancato arrivo di Gabriel, si ritorna a parlare di Gollini.

Zima al centro della difesa. Izzo davanti a Djidji

Di certo la sessione estiva dipenderà molto dalla più che certa cessione di Bremer. Sarebbe poco realistico inserire il brasiliano nella probabile formazione del Brianteo. Il suo posto lo prenderebbe attualmente David Zima, chiamato a un salto importante per quanto riguarda leadership e affidabilità. Lo aiuteranno due giocatori esperti come Izzo e Rodriguez. Il primo non è sicuro di restare, ma il buon finale di stagione lo posiziona davanti a Djidji, mentre il secondo è stato tra i giocatori che meglio hanno assorbito i principi tattici di Juric. Come qualche mese fa, si alternerà con Buongiorno.

Centrocampo: il reparto più colpito dal mercato

Sugli esterni confermatissimi Singo e Vojvoda, così come a centrocampo Lukic e Ricci. A pesare in questo momento sono la mancanza di valide alternative. Ola Aina non è tra queste e l’ultima stagione lo ha confermato. Un discorso che rimanda chiaramente all’addio per scadenza di contratto di Ansaldi e ai mancati riscatti di Mandragora e Pobega. Quest’ultimo si è distinto anche per prove convincenti sulla trequarti, cioè la zona di campo più provata da questo inizio di mercato shock in termini di mancate conferme.

Praet, Brekalo e Pjaca non sono stati riscattati e al momento a comporre il tandem dietro la punta sarebbero Seck e Verdi: uno scenario fin troppo pessimistico fino a qualche mese fa, ma che ad oggi trasuda realtà da tutti i pori. Entrambi potrebbero lasciare Torino più avanti. Seck potrebbe infatti essere utilizzato come pedina da cedere in prestito per arrivare a Maggiore, mentre il secondo farebbe volentieri ritorno a Salerno. A centrocampo al momento le alternative sarebbero l’esubero Linetty più elementi tornati dai prestiti come Segre e Kone.

Davanti è ballottaggio Sanabria-Pellegri

Infine, chiudiamo con l’attacco, privato dopo sette anni dell’apporto di Andrea Belotti. A partire avanti nelle gerarchie è Tonny Sanabria, ma al momento la sensazione è quella di una titolarità intercambiabile. Pellegri, appena acquistato dal Monaco, potrebbe insidiare il paraguaiano anche per le maggiori qualità da finalizzatore. Al momento la panchina comprenderebbe Zaza, Edera e Rauti: tutti e tre destinati a fare le valigie.

Il probabile 11 del Torino al 2 luglio (3-4-2-1): Berisha; Izzo, Zima, Rodriguez; Singo, Lukic, Ricci, Vojvoda; Seck, Verdi; Sanabria. A disposizione. Milinkovic-Savic, Buongiorno, Djidji, Aina, Linetty, Segre, Kone, Millico, Pellegri, Zaza, Edera, Rauti

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-07-2022


100 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
AT72
AT72
1 mese fa

Io spero che la prox squadra si avvicinò quanto più a questa:

Strakosha (Berisha)

Zima, Solet, Rodriguez (Dji Dji, X, Buongiorno)

Singo, Vojvoda (Aina, Bayeye)

Lukic, Ricci (Amrabat, Migliore)

Praet, Vlasic (Diurjcic,, Lauriente)

Sanabria (Pellegri, Okereke)

0 abbonamenti 0 merchandising unico modo per liberarci di cairo
0 abbonamenti 0 merchandising unico modo per liberarci di cairo
1 mese fa

Questa squadra è da lotta per la salvezza all’ultima giornata.

BiriLLo
BiriLLo
1 mese fa

Chi vorreste come presidente anche in B ?…. Io Beretta… Non mi scrivete meglio Cairo in A per favore. Meglio il Toro in A, chiaro ma senza “l’inutile”.
Con BS ai risvolti e la sua inettitudine credo che siano le vie probabili.
#cisiamoquasi

Cairo: “Mi chiamano forbici dorate, non sopporto gli sprechi ma sono il primo a voler investire”

Torino, la questione portieri resta irrisolta. E il raduno si avvicina