Nel 2017, Davide Nicola salvò il Crotone vincendo contro la Lazio all’ultima giornata: domenica alle 15 ritroverà il Crotone con un Torino in emergenza

Crotone-Lazio, ovvero la notte in cui Davide Nicola è diventato un eroe. Il Crotone dopo la Lazio, ovvero la partita vera dopo quella fantasma, che da allenatore del Torino dovrà gestire tenendo la barra a dritta nel mare in tempesta. Dal maggio 2017 al marzo 2021: quattro anni dopo il tecnico di Vigone dovrà fare un altro miracolo allo “Scida”. Domenica, ore 15, si rivedrà il Toro in campo, scaduto il blocco dell’Asl che ha impedito ai granata di scendere in campo contro il Sassuolo e i biancocelesti. E l’emergenza sarà totale. Otto giocatori assenti a causa della variante inglese del Covid, tutti gli altri appesantiti da una settimana di stop quasi totale. Solo ieri, Nicola ha guidato il primo allenamento collettivo. C’erano tanti ragazzi della Primavera: gli daranno una mano nella sfida salvezza della 26^ giornata.

Dall’impresa salvezza a quella che lo attende con il Torino

Lo stadio che accoglierà l’incontro sarà quello dove, esultante, l’allenatore venne portato in trionfo dai suoi giocatori in quella magica notte di quattro anni fa. Assieme, avevano appena finito un ciclo da 20 punti tra aprile e maggio: una marcia inarrestabile, ma “non dite che è stata una favola”, per usare proprio le parole di Nicola. Il quale, anche oggi, non vende sogni ma solide realtà: lavoro e relazioni umane, i pilastri che ha portato al Toro dopo averli esaltati a Crotone.

La partita che sancì la miracolosa salvezza del Crotone di Nicola

Nicola, ora chi gioca? Il tecnico ha poca scelta

Ora che per le mani ha una squadra spossata e poco brillante, il tecnico insisterà il doppio sul tasto delle motivazioni. Cruciale, per sopperire alla mancanza di fiato e risorse umane. Ha a disposizione due allenamenti più la rifinitura di sabato per tirare fuori il massimo da ciò che gli è rimasto. Non molto, a dire il vero. Anche se un problema è risolto: la formazione titolare è pressoché obbligata. Lo è la difesa a tre (Izzo, Lyanco e Rodriguez sono i titolari designati), lo sono le fasce del consueto 3-5-2, dove agiranno Vojvoda e Ansaldi. Va un po’ meglio in attacco, dove Nicola può addirittura permettersi di scegliere due tra Zaza, Sanabria, Verdi e Bonazzoli. Non basta questo, certo, per evitare la narrazione dell’impresa, perché il Toro è in tempesta e il tecnico deve tenere la barca a galla.

Davide Nicola
Davide Nicola
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 04-03-2021


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Mikechannon
Mikechannon (@mikechannon)
8 mesi fa

Le sconfitte all’ultimo minuto avevano lasciato dei dubbi sulla forza di questa squadra ,i pareggi in casa con le ultime sono la prova netta che non può farcela. Poi ci si può salvare anche all’ultimo minuto dell’ultima partita, dipendera’ dal Cagliari. Povero magico Toro

Mikechannon
Mikechannon (@mikechannon)
8 mesi fa

Perché il Toro può raggiungere Crotone senza i contagiati e a Roma no. Sarà un caso che le date predisposte dall’ ASL si siano contrapposte e ne terranno conto. Ma a me non mi e’ piaciuta. Così l’eventuale recupero lo perderemo con la formazione ” tipo” . Condiamo l’agonia con… Leggi il resto »

Charlie66
Charlie66 (@charlie66)
8 mesi fa
Reply to  Mikechannon

sai che un commento così non lo hanno fatto neanche i laziesi??? (che fra parentesi in realtà sono contentissimi di non ver giocato!) cosa non capisci? ci sono stati 3 0articoli almeno. l’ASL ha messo in quarantena OBBLIGATORIA di sette giorni tutta la rosa dopo l’ottavo positivo con variante inglese,… Leggi il resto »

Mondo
Mondo (@mondo)
8 mesi fa
Reply to  Charlie66

Che dire, se dopo una settimana non ha ancora capito perché la ASL Torino ci ha vietato di andare a Roma e non ci vieta di andare a Crotone è inutile spiegarglierlo.

ToroTo
ToroTo (@toroto)
8 mesi fa
Reply to  Mikechannon

Molto semplice. Il virus ha un periodo di incubazione e l’Asl ha ritenuto congrui alcuni giorni per verificare che i negativi non fossero stati infettati.

Pedric
Pedric (@giorgia2004)
8 mesi fa

Io sto sereno, uno che se ne intende ha scritto più volte che ci salveremo facilmente , anzi che non saremmo nemmeno stati sfiorati da questi temi, in quanto decisamente superiori in termini di organico. 3 vittorie in 23 partite per 20 punti, era un track record ante Covid di… Leggi il resto »

Toro, ora la difesa cambia per forza: Nicola ha gli uomini contati

Risorsa Sanabria: può dare una mano al Toro