I numeri di Crotone-Torino / I rossoblu rendono meglio tra le mura amiche a differenza dei granata, ma prendono sempre gol

Dopo lo stop a causa Covid, ecco che il Torino tona in campo domenica alle ore 15.00. Nel mirino c’è il Crotone, fresco di cambio in panchina, con Cosmi che è subentrato a Stroppa. Prosegue perciò la corsa alla salvezza con un altro scontro diretto che si aggiunge alla lista. Due match, due posizioni e soli otto punti a separare i due club, entrambi nella zona calda della classifica. I granata sono infatti a quota venti punti, mentre i rossoblù a dodici. I tre in palio fanno gola ad entrambi: se il Toro vuole dare continuità a quanto fatto prima del blocco forzato a causa del Covid, il Crotone è invece a caccia della svolta, che consentirebbe di sperare nella salvezza. Dando uno sguardo da vicino ai numeri, i granata hanno un rendimento migliore in territorio nemico, a differenza del Crotone che ha invece vinto solamente in casa.

Crotone-Torino, i numeri dei rossoblu

Su dodici match, il club calabrese ha raccolto tre vittorie, un pareggio ed otto sconfitte, per un totale di dieci punti. Nonostante il rendimento sia migliore anche sul fronte gol (dodici realizzati e ventiquattro subiti, contro i dieci fatti ed i trentotto presi in trasferta), i rossoblù non hanno concluso nemmeno un match a reti inviolate tra le mura amiche. Il totale sono ben 62 gol subiti dagli avversari (solo cinque squadre nella storia della serie A hanno fatto peggio dopo venticinque giornate, ultima delle quali la Pro Patria nel ’56 con 64). Sono inoltre ben sette i match consecutivi dove non sono riusciti a fare punti, tre dei quali in casa. Il Crotone ha però dalla sua il fatto di non essere mai arrivato a quattro sconfitte casalinghe di fila, mito che il Toro dovrà essere bravo a sfatare.

Crotone-Torino, le statistiche dei granata

Il fronte granata vede invece una situazione leggermente migliore. Sono infatti le mura amiche il vero problema di Belotti e compagni (nessuna vittoria al Grande Torino). In trasferta, i granata vantano tredici punti, con tre vittorie, quattro pareggi e cinque sconfitte. La differenza reti resta minima, con diciannove gol fatti e ventidue subiti. L’arrivo di Nicola si è comunque rivelato un toccasana, portando all’imbattibilità nelle ultime cinque partite, cosa avvenuta solo con Mazzarri e Scoglio nell’era dei tre punti sulla panchina granata. Il Crotone resta il club affrontato più volte dal Toro, tra quelli contro i quali non ha mai perso e la vittoria di domenica potrebbe portare a due vittorie consecutive in trasferta per la prima volta dal 2009. Inoltre i rossoblu sono tra gli avversari contro cui l’attacco granata rende meglio: Belotti conta sei gol in quattro partite, mentre Verdi ha realizzato la sua seconda marcatura multipla proprio contro i calabresi. Sarà sicuramente una sfida combattuta quella allo Scida.

Andrea Belotti tra Lisandro Magallan e Ahmad Benali in Torino-Crotone
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 06-03-2021


Toro all’esame condizione fisica: è stata la priorità di Nicola in settimana

Nicola e gli allenamenti a casa: “E’ come chiedere a Hamilton di guidare in giardino”