Davide Nicola: “Stimo Mihajlovic, ha carisma. Io al Toro un giorno? Me lo auguro”

15
Nicola
CAMPO, 15.4.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 32.a giornata di Serie A, TORINO-CROTONE, nella foto: Davide Nicola

Le parole del tecnico del Crotone, Davide Nicola, a tre giorni dalla gara dello Scida contro il Torino, sua ex squadra

La prima sfida dopo la pausa per le nazionali sarà molto particolare per Davide Nicola, allenatore del Crotone che dopo la salvezza miracolosa dello scorso anno accoglierà il Torino allo Scida. In Calabria il Toro troverà una squadra più matura dello scorso anno: “Allora quasi nessuno conosceva la A. Ora invece c’è maggiore consapevolezza. L’esperienza aiuta. Ma già sappiamo che la nostra battaglia durerà tutto l’anno. L’ho subito detto ai giocatori. Non dovremo mai alzare la testa e crederci arrivati. Inseguiamo la continuità. E l’equilibrio mentale. Alla salvezza ci arrivi senza mai illuderti o deprimerti. Ecco quale dovrà essere la nostra forza”, ha detto il tecnico a Tuttosport.

Poi ovviamente si è parlato di quanto sia importante per Davide Nicola la sfida contro i granata di Mihajlovic: “Domenica, a tratti sarà una partita a scacchi, a tratti una battaglia con maggiore furore agonistico. Ai miei giocatori ho già spiegato che ci saranno dei momenti in cui dovremo difenderci anche in 11 e altre fasi in cui invece proporremo un bel pressing alto. Belotti è un ottimo attaccante, ma il Torino ha la possibilità di sopperire a qualsiasi assenza”. Sul passato granata: “Ho nel cuore la promozione del 2006. Mihajlovic? Lo stimo molto. E’ un ottimo allenatore. Ha carisma, fa giocar bene le squadre, il Toro con lui ha una guida forte. Allenare un giorno il Toro? Me lo auguro, ne sarei estremamente lusingato. Quale allenatore non sarebbe felice di guidare il Toro?”, ha concluso il tecnico ed ex giocatore granata.

15 Commenti

  1. Un allenatore promettente è Semplici, in 10 anni 6 primi posti ed un secondo.
    Serve gente che sappia vincere (seppur con squadre ed in categori minori); non di certo un Nicola qualunque che ha solo il pregio di aver salvato il Crotone e di essere un Ex Toro!!

    Ma poi perchè un ex granata deve essere avvantaggiato?
    Perchè ha fatto qualche anno di B…
    Boh,,io alcune cose non le capisco

  2. Cancelliamo le parole “odio” per favore…c’è ancora gente che pensa…qui nessuno odia nessuno, solo che vorrei una squadra organizzata e con Sinisa non l’ho mai vista. Se la lotta è tra Giampaolo e Nicola, non trovo che uno sia migliore dell’altro…ma entrambi sono d’accordo non mi dispiacerebbero

    • Macchè odio! E’ un incompetente, punto! Con la difesa quasi rivoluzionata stiamo prendendo esattamente gli stessi gol dello scorso campionato e i risultati in carriera parlano chiaro. Ho degli amici del Milan che non hanno mai finito di prendermi per il sedere l’anno scorso e quest’anno anche di più con la storia del suo pupillo, la copia triste di Balotelli.

  3. Domenica per me sarà dura. Spero di sbagliarmi ma temo sarà una sofferenza. Su Nicola attestato di stima piena, ma non sono sicuro sia la persona giusta. Preferisco ancora Longo, conosce meglio l’ambiente, e’ in piena sintonia con Bava, e’ giustamente ambizioso e non sprovveduto. Cmq fossi in Nicola sarei abbastanza tranquillo… Cairo mi risulta un abbocco e anche qualcosa di più lo aveva già fatto in estate, ma non avrebbe accettato perché persona seria.

  4. Non sicuramente pronto per guidare il Toro (mio parere discutibile), ma in gamba per squadre da bassa classifica/serie B.

    Speriamo di rifilarvi un bel 3-0 secco senza subire reti. ATTENDO CON ANSIA IL TORO IN CAMPO.
    Le pause per la nazionale sono insopportabili.