Le prestazioni di Sirigu hanno messo d’accordo tutti: il portiere del Toro si è rivelato fondamentale e merita anche una vera chance in Azzurro

La parata che nel finale ha salvato il 2-2, quelle che nell’arco dei primi 180 minuti di questo scorcio di campionato hanno permesso al Toro di evitare gol su gol. Salvatore Sirigu è la certezza: non un momento di appannamento, nessun segnale di resa per l’estremo difensore che di recente ha riconquistato la Nazionale dopo un lungo periodo di assenza. La maglia azzurra potrebbe tornare ad indossarla anche in occasione degli impegni della squadra di Mancini in programma a settembre, quando la Serie A si fermerà per la Nations League. L’Italia affronterà Polonia e Portogallo e sarà per Sirigu l’occasione di provare a sfilare la maglia da titolare a Donnarumma.

Sirigu-Nazionale: il portiere a caccia della maglia da titolare

Mancini è stato spettatore attento delle sfide che hanno visto protagonista il Torino e Sirigu. L’estremo difensore, che ha prolungato il proprio contratto con i granata scegliendo di giocarsi le proprie possibilità – anche azzurre – con il Toro, ha dimostrato di meritare l’opportunità di difendere anche la porta della Nazionale italiana, a colpi di prestazioni che non hanno certamente stupito chi conosce le sue qualità. Parate che valgono quanto un gol di Belotti o un assist di Falque, una giocata di Meitè o un salvataggio di Nkoulou. Il giocatore di cui la rosa granata ha bisogno per il salto di qualità decisivo e per l’Europa da conquistare. Il giocatore che ad oggi merita di essere il numero uno anche in Azzurro.


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tarzan_annoni
tarzan_annoni
3 anni fa

Sirigu è un uomo che sa fare bene il portiere, l’ altro un ragazzino semianalfabeta che gioca a fare il portiere

Roberto (RDS 63)
Roberto (RDS 63)
3 anni fa

Di sicuro molto più continuo di Donnarumma, ad oggi non c’è partita.

graziano
graziano
3 anni fa

Su Sirigu pare siamo tutti d’accordo: è forte (perchè riesce a fare parate molto difficili, quale quella su Perisic verso lo scadere dell’ultima partita) e affidabile (perchè non fa sciocchezze ed è sempre molto attento). Sereni era più forte ma meno affidabile, Marchegiani era affidabile ma forse leggermente meno forte;… Leggi il resto »

Aina, la Nazionale e San Siro: che impatto per l’ex Chelsea!

Belotti-Falque, l’intesa funziona: per Zaza gli spazi si riducono