In vendita per il triennio 2018-2021 tre pacchetti per la trasmissione delle partite di Serie A: nessun operatore potrà acquistare tutti i pacchetti

Se quel che trapela sarà confermato, per i diritti tv del triennio 2018-2021 ci sarà una vera rivoluzione. Risolto il contratto con Mediapro, il nuovo bando dovrebbe prevedere infatti la possibilità per l’operatore di acquistare uno dei pacchetti (ma non tutti), che saranno suddivisi per fasce orarie. Il primo pacchetto conterrà 114 gare, tre per ogni giornata e in altrettante fasce orarie distinte. Il secondo pacchetto avrà 152 gare in quattro diverse finestre orarie mentre il terzo pacchetto consentirà la trasmissione di 114 gare. La partita delle 20.30 del sabato, quella delle 12.30 di domenica e una di quelle previste per le 15 sempre di domenica. In questo modo è evidente che a ciascun tifoso di una squadra non sarà sicuro di vedere tutte le partite della stagione con un solo abbonamento.


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
3 anni fa

Finché il calcio avrà una credibilità vicino allo 0 potranno fare anche 10 piattaforme che non vedranno il mio abbonamento .Ne sceglierò una in base alla completezza di copertura tra sport film informazione e cultura dopo di che se daranno qualche partita che m’interessa la guarderò altrimenti farò altro.

Roby65(Filasempre)
Roby65(Filasempre)
3 anni fa

Il fatto è altro. Se decidi di seguire il calcio pagherai di più. Perché è un mercato dove non c’è vera concorrenza. E chi lo vende è interessato solo ai denari.
Subito e presto.

Brunogranata
Brunogranata
3 anni fa

Basta disdire la pay tv. E’ semplicissimo. Come disse il mitico Gassman nel film La grande guerra :” Quello che vi frega a voi, popoli non emancipati che mangiate il sapone ,è il fatalismo rinunciatario. Guerra al privilegio , ecco la vera guerra. Uee … ma l’avete mai letto il… Leggi il resto »

gix
gix
3 anni fa
Reply to  Brunogranata

grande

Acquah, buona prova col suo Ghana. Oggi Niang sfida la Croazia

Niang, segnali positivi con il Senegal: in Russia può decidersi il suo futuro