L’infortunio di Aina, dopo quello di Ansaldi, abbassa il numero di alternative dei granata: chance per Berenguer, se il nigeriano non dovesse recuperare

Prima Ansaldi, poi Aina: in attesa di capire se il nigeriano potrà essere a disposizione contro l’Udinese, nella gara che attende il Toro dopo la pausa, Mazzarri è costretto a fare i conti con l’emergenza sulle fasce. Aina, lanciato da titolare contro la Spal, dopo le due presenze nelle prime due partite, ha chiesto il cambio nella parte finale del match e non è partito per la Nazionale dopo gli esami strumentali ai quali si è sottoposto lunedì mattina. E così a scalare le gerarchie, semmai l’esterno ex Chelsea non dovesse farcela, potrebbe essere Berenguer. Lo spagnolo è rimasto in granata come alternativa a De Silvestri ed Ansaldi, provato proprio nella posizione dell’argentino quando l’ex Inter era ancora in permesso dopo i Mondiali. Non ha però convinto del tutto il tecnico che lo aveva schierato all’esordio ma che poi, quando c’è stata la necessità, ha deciso di puntare su Aina.

Torino, Berenguer pronto se Aina non recupera per Udine

Ora l’esigenza potrebbe aprire la porta a Berenguer, che a partire da giovedì, quando la squadra si ritroverà dopo i tre giorni concessi, sarà a disposizione di Mazzarri in attesa del rientro degli altri Nazionali. Giorni decisivi per lo staff, che lavorerà ovviamente al recupero di Aina.

Nelle prime tre giornate lo spagnolo, arrivato a Torino nell’estate del 2017, ha giocato da titolare contro la Roma per sostituire Ansaldi, poi è rimasto in panchina a San Siro e ha solo giocato una manciata di minuti contro la Spal, entrando in campo a gara ormai conclusa.


26 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Gianky1969 (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Gianky1969 (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
3 anni fa

Se non è per la prox partita, sarà più avanti ma per tutta la stagione convivremo con il problema degli esterni. Come lo avevano ampiamente preventivato in tanti qui e nei bar…. tranne che in via Arcivescivado dove ci vedono più lungo.

Viaggiatore
Viaggiatore
3 anni fa

Giocatori che fanno la differenza sono pochi nel Toro,
penso ci sia solo Iago. Uno vale l’altro, diventano fenomeni solo se hai qualcuno che li rifornisce di palloni…

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
3 anni fa

Mah , finora non e che Berenguer abbia convinto del tutto. Gli riconosco una grande rapidità di corsa che nel calcio è una dote. Ma lo vedo anche tanto pasticcione ed arruffone, perde palloni sanguinosi quando non deve, sbaglia quasi sempre l’ultimo passaggio quando attacchiamo, insomma non del tutto affidabile… Leggi il resto »

Meité, il mediano con il numero 10 battezzato da San Siro

Torino, il relax social dei granata: “Family first” per Izzo e Baselli, Bremer non si ferma