Le prossime tre gare saranno ravvicinate ed è così che Giampaolo ha avuto più tempo: ma la fiducia di Cairo dipende dai risultati

Roma, Bologna, Napoli. Nel giro di sei giorni il Toro affronterà nell’ordine i giallorossi, poi la squadra di Mihajlovic in casa e infine i partenopei nel turno infrasettimanale che chiuderà la Serie A, almeno per questo 2020. Tre partite in cui Giampaolo si gioca davvero tutto. La fiducia che Cairo ha riposto nel suo allenatore non può non essere a tempo: troppo pochi i sei punti racimolati in undici partite, troppe le sconfitte, troppi i gol subiti. Certo, il presidente e il direttore tecnico hanno spostato ogni pressione sui calciatori, chiamandoli ad essere “uomini”, per usare una frase del patron granata, e puntando su una reazione. Da qui l’idea del ritiro anche se, come spesso accade, solitamente è il preludio ad un addio, l’ultimo tentativo per salvare il salvabile.

Cairo-Vagnati: quel colloquio dopo Toro-Udinese…

Il fatto di dover giocare ogni tre giorni ha certamente avuto un peso nella scelta di Cairo e Vagnati di rinnovare la propria fiducia a Giampaolo. Però non vuol dire che dt e presidente non si siano interrogati sul dopo-Giampaolo, dovendo fare anche i conti con un campionato che da qui al 23 dicembre vedrà la squadra scendere in campo tre volte. Dal canto suo Giampaolo avrà comunque la possibilità, contro la Roma e poi col Bologna, di muovere la classifica e di salvare la propria panchina. E l’ultima prima di Natale, la sfida del 23 dicembre contro il Napoli, potrebbe essere per il tecnico l’ultima occasione: senza contare quanto per il Toro sarebbe pericoloso, in termini di classifica, non portare a casa punti pesanti da qui alla pausa.

Marco Giampaolo
Marco Giampaolo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-12-2020


44 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Denis-Joe
Denis-Joe
11 mesi fa

Nessuno ha fatto notare che da oggi questa squadra è ultima in classifica.
Mi dispiace che questi giocatori insistano nel vestire la maglia granata e soprattutto l’emblema del Toro.
Che ne pensate?

Bartolomeo Pestalozzi
Bartolomeo Pestalozzi
11 mesi fa
Reply to  Denis-Joe

Che sei pignolo!

Denis-Joe
Denis-Joe
11 mesi fa

🤣

tore110
tore110
11 mesi fa

Beati voi che riuscite a farci dell ironia

tore110
tore110
11 mesi fa

Al Toro doveva venire Iuric … è stato consigliato caldamente di non venire da uno che l’anno scorso lavorava per la società e che è andato via di cui non faccio il nome . E questa cosa ve la do per certa … questo per farvi capire che la situazione… Leggi il resto »

Fabio (febius6)
Fabio (febius6)
11 mesi fa
Reply to  tore110

Chi è Luric?

tore110
tore110
11 mesi fa

Chiedilo a te stesso che l’hai scritto

Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
11 mesi fa

In questo momento è prioritario non perdere e non prendere gol, quindi deve impostare una formazione che faccia questo a costo del classico catenaccio, marcatura a uomo etc… poi si penserà a fare il bel calcio. Se Giampaolo non è in grado via a Natale e dentro uno che lo… Leggi il resto »

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa

Linfa granata da questi giocatori?Dai,se non si cedono almeno 6/7 giocatori può arrivare Klopp insieme a Guardiola e nn cambierebbe una beata.Se questi restano e hanno deciso che andremo in B nonostante la mediocrità di qst campionato,noi andremo in B.

Last edited 11 mesi fa by vecchiamaniera
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
11 mesi fa
Reply to  vecchiamaniera

Tanto sappiamo che sto mercato sarà una ciofeca, almeno che ci vada qualcuno che dia calci nel se.de.re e far muovere i carciofi che abbiamo in rosa ora… ma dobbiamo riprendere a fare punti… pur col 9-0-1

vecchiamaniera
vecchiamaniera
11 mesi fa

Concordo,provare a fare gli splendidi oggi con tocchi di tacco inutili che fanno solo incaxxare.Proporrei pressing alto,ammesso che questi fenomeni lo facciano x 95 minuti e non 20,ripartenze,più possesso palla invece di lanci lunghi e marcatura a uomo

Vento dell’est sul Toro: il cambio di rotta passa anche da Lukic e Gojak

Dal gol nel derby all’addio: il Toro ritrova Bruno Peres