In un’intervista a Fotbollskanalen, Gustafson ha raccontato i suoi primi mesi in granata: “In Italia è tutto diverso rispetto alla Svezia ma mi trovo bene”

Tra i calciatori granata che i tifosi del Toro non hanno ancora potuto vedere all’opera c’è Samuel Gustafson, il centrocampista svedese classe 1996 arrivato quest’estate a titolo definitivo dall’Häcken. In un’intervista rilasciata alla tv svedese Fotbollskanalen, Gustafson ha raccontato i suoi primi mesi vissuti all’ombra della Mole.

“Sono molto felice di dove vivo, la vita a Torino è abbastanza buona. Il calcio? Quello è completamente diverso, se uno ha giocato sempre in Svezia è normale che abbia bisogno di un periodo di ambientamento. Che tutto fosse differente me ne sono accorto già al primo allenamento: era un mercoledì e quel giorno ho pensato di morire – ha dichiarato scherzando il centrocampista, che ha poi continuato – in Italia non devo solo pensare a giocare a calcio, devo anche imparare la lingua che è molto importante. Per me è tutto nuovo: la squadra, la cultura, il tipo di lavoro. Per me è una sfida da vincere”.

Gustafson ha poi parlato dello spazio che al Toro non ha ancora avuto: “Contro la Roma il mister mi ha fatto scaldare ma poi non sono entrato. Se presto potrò giocare? È difficile da dire, non so quale sia l’idea di Mihajlovic, ma lo spero vivamente”.
A proposito della partita contro la Roma, il centrocampista granata ha parlato anche di Totti: “C’è qualcosa di speciale intorno a lui”.


28 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
qui_sont_lesplusforts
qui_sont_lesplusforts
6 anni fa

Pippone come boyé?

miva -29
miva -29
6 anni fa

Pippone….e chiudiamola qui. Silva nel Granada sta inanellando prestazioni mediocri. Jansoon dopo 10 presenze ha il riscatto obbligatorio. Tutti e due sono stati bocciati da miha. Questo é il prossimo.

Djordy64#RinconRegistaBelottiPortiere
Djordy64#RinconRegistaBelottiPortiere
6 anni fa

Una società diciamo di media grandezza come il Toro, dal punto di vista economico, deve necessariamente puntare su alcune socmmesse ogni anno, oltre a rinforzare il settore giovanile e ovviamente creare uno zoccolo duro di giocatori aumentando il proprio appeal nel tempo . E’ quello che da alcuni anni si… Leggi il resto »

Ljajic è tornato: per il Toro il meglio deve ancora venire

Maksimovic: “Al Toro dicevano di volermi tenere ma avevo già l’accordo per andare via”