Mergim Vojvoda, esterno kosovaro numero 27 del Torino, è stato intervistato ai microfoni di Torino Channel

Mergim Vojvoda, esterno del Torino, è stato intervistato. Di seguito le sue parole, rilasciate ai microfoni di Torino Channel.

Le parole di Vojvoda

“Le 100 presenze in granata sono un orgoglio. Non è facile fare 100 partite in Serie A con la stessa squadra: anche la mia famiglia è orgogliosa”. Sulla sua prima gara al Toro contro la Fiorentina, il 19 settembre del 2021, ha detto: “Mi ricordo quella partita, non c’erano i tifosi per il Covid. Era la prima volta che indossavo la maglia del Toro, una grande emozione. Avevamo la maglia bianca, da trasferta”. Sui suoi gol: “Il gol più bello che ho fatto è stato l’ultimo, in Coppa. In campionato il primo, contro il Parma, è stato una grande emozione. Era intorno al 4 Maggio, è stato anche un saluto al Grande Torino. Un piacere e una grande felicità. Il mio obiettivo è quello di crescere e i gol servono per aiutare la squadra, lavoro tanto per fare più assist e più gol”. Sui suoi assist: “Lo scorso anno mi ricordo quello contro il Lecce: era un passaggio di 30 metri rasoterra, tra 5/6 giocatori, con gol di Vlasic. Poi mi ricordo anche il tacco per Perr Schuurs. Vorrei fare 5 gol e 6/7 assist quest’anno”. Sulle sue presenze: “A livello statistico, non ho mai fatto bene come qua. Sto facendo più partite, rispetto alle squadre in cui ho giocato. Mi sento a casa e mi sento bene: andiamo per le 200 presenze”. Sul gioco di Juric e i cross: “Il mister chiede molti cross, tante situazioni da assist, abbiamo 2 buoni attaccanti quindi non sarà difficile”. Sul suo 2023: “Il giudizio è positivo, bene. Mi aspettavo di fare più gol, ma a livello di assist ne ho fatti 5/6. Poi 2/3 infortuni mi hanno lasciato fuori. Sono orgoglioso comunque di tutto. C’è sempre da migliorare. Nel sistema che gioca il mister, nelle cose che facciamo, però sto migliorando a giocare con il sinistro. Devo essere ancora più decisivo per la squadra”.

Verso la Fiorentina

“Contro la Fiorentina è sempre tosta. Sono partite da giocare, da essere sveglio, serve essere forti. Sappiamo che non è facile giocare lì. L’anno scorso abbiamo vinto, poi perso in Coppa. Partita dura: serve essere tosti. Andiamo lì per i 3 punti, per fare un piacere ai nostri tifosi. Sarà importante per il nostro campionato. Ringrazio i tifosi, che erano in tanti contro l’Udinese. Tanti abbracci, buon anno e buone feste: vi aspettiamo allo stadio”.

Mergim Vojvoda of Torino FC in action during the Serie A football match between Torino FC and Empoli FC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-12-2023


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Wallace
2 mesi fa

Discreta riserva, niente più. Terzinaccio, si diceva una volta. Non ha guizzi, dribbling, tiro ogni morte di papa. Per difendersi, forse. Per attaccare no di certo

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)

Per me è e resta un “buon” giocatore. Dove bisogna definire questo “buon” Ci sta nei 4 laterali che dovremmo avere. Non da titolare, ma come riserva mi starebbe benissimo. Siamo il Toro, è normale che le riserve non possano essere tutte forti. Ed è normale che noi non si… Leggi il resto »

eurotoro
eurotoro
2 mesi fa

Francini, Sergio, Policano, Jarni, Mussi, Angloma, Balzaretti, Asta, Bruno peres, Dambrosio, Darmian, Ansaldi………Vojvoda 😖.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  eurotoro

Sergio?? Jarni??? Balzaretti?

Perdonami ma cosa ci fanno questi con i Francini i Darmian & C?

Asta poi? Mica era un terzino!

urto (andrea)
2 mesi fa

asta era un giocatore che amava il toro…più del tuo amato presiniente attuale…

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  urto (andrea)

Sono molto, ma molto, ma molto d’accordo Dove starebbe la novità urto? Se tu leggessi meglio quello che la gente scrive (anche quelli che tu reputi “tuoi nemici” scopriresti che la distanza non è molta, anzi! semmai sei tu che a volte ti appiattisci sulle posizioni degli zerotreini! Che non… Leggi il resto »

Coppa d’Africa: Bayeye convocato dal Congo

Il Toro ritrova Bellanova: è la certezza di Juric