Non si fa influenzare dalle voci di mercato o delle parole pronunciate dal giocatore in ritiro: per Juric il peso di Lukic resta fondamentale

L’episodio di agosto per il quale ha chiesto scusa e per cui è stato perdonato (perdendo però la fascia da poco ereditata da Belotti), poi le frasi dal quartier generale della Nazionale, alla vigilia del Mondiale. Sasa Lukic ha trascorso gli ultimi mesi sotto i riflettori, dividendo non poco i tifosi. Qualcuno ha mal digerito il comportamento del centrocampista ma il suo allenatore non lo ha mai messo in discussione, consapevole di quanto la cifra tecnica del serbo sia ancora fondamentale per il Toro. Non stupiscono quindi le parole pronunciate ieri da Juric, che nel presentare la sfida al Verona è tornato sull’argomento Lukic. “Mi aspetto che faccia sei grandi mesi”, ha detto, allontanando ogni voce di mercato ma soprattutto facendo intendere che le chiacchiere intorno al giocatore non lo disturbano.

“Lukic è imprescindibile”

L’allenatore è tornato sulla prima parte della stagione, sottolineando quanto Lukic non si sia mai sottratto, anche quando in gioco c’era il suo Mondiale. “Lukic ha sempre dimostrato di avere voglia, a volte anche troppa voglia. Anche quando ha rischiato di perdere il Mondiale per infortunio non si è mai tirato indietro. Per me è un giocatore imprescindibile“, ha spiegato senza lasciare spazio ad alcuna interpretazione.

Sasa Lukic
Sasa Lukic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 03-01-2023


10 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Scimmionelli
Scimmionelli
27 giorni fa

Lukic ha deciso che vuole andare in scadenza per guadagnare di piu’ col prossimo contratto. Gli auguro, dopo aver fatto bene di qqui a Giugno, di finire a fare Nkoulou.

toro e basta
toro e basta
27 giorni fa

Lukic non sarà un fenomeno ma al momento è imprescindibile nel gioco di Juric. Ci fosse un giocatore più forte di lui che possa sostituirlo, lo cederei senza troppi problemi

Troposfera Granata
Troposfera Granata
27 giorni fa

Lukic nel calcio che conta e il mancino Ivan Ilic a crescere sotto la guida di Juric.

Torino, c’è una tradizione da rispettare: dopo Natale tre vittorie negli ultimi tre anni

Torino, gennaio mese di fuoco: da oggi sei partite in 24 giorni