Pesa l’assenza del centrocampista, squalificato ieri: senza la mediana titolare il Torino paga non poco, più che con l’assenza di un trequartista

Ha dovuto rinunciare a tanti giocatori di qualità, Ivan Juric, in questi primi mesi granata. Si è subito fatto male Pjaca (due volte), si è fermato Praet, poi a ruota Brekalo. Mai tutti e tre contemporaneamente: quando i primi due non erano a disposizione c’era Brekalo, quando si è fermato il croato il belga è tornato ed è stato subito decisivo. Perdere i due centrocampisti titolari in contemporanea invece no, non era mai successo. L’assenza di Mandragora ha portato Juric a consegnare le chiavi del centrocampo a Pobega e il numero quattro non si è tirato indietro. Al contrario non è esagerato sostenere che la differenza tra la partita con la Sampdoria e quella con lo Spezia l’ha fatta proprio l’assenza del centrocampista. Perché i numeri di Praet, per citare uno dei migliori contro i blucerchiati, sono quelli che rimangono negli occhi, ma il lavoro di Pobega, la sua capacità di inserirsi sempre con i tempi giusti, di entrare in quasi tutte le azioni pericolose (il contropiede culminato col gol di Singo è solo un degli esempi) è quello che nessuno dei possibili sostituti avrebbe potuto fare. Ci ha provato a limitare i danni, l’allenatore croato, che certamente temeva alla vigilia di poter regalare allo Spezia il controllo della zona nevralgica del campo. Proprio Pobega, il calciatore che il Milan non ha voluto cedere se non in prestito secco, quello che due giorni fa Mancini ha chiamato in Nazionale. E che Juric non così volentieri (ad oggi valorizza un giocatore non di proprietà) sa di avere il potere di far crescere ancora.

Tommaso Pobega
Tommaso Pobega
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 07-11-2021


50 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ale_maroon79
ale_maroon79
20 giorni fa

D’Aversa a rischio dopo gli ultimi scadenti risultati, in pole per la panchina blucerchiata ci sarebbe Giampaolo. Incrociamo le dita, ci si leverebbe di torno un altro stipendio da “top player”.

Emil
Emil
20 giorni fa

T9 non ne fa passare una. Anche oggi osso assicurato.
comunque mi spiace per l impegno profuso, a volte commovente di difensore dell innominabile, ma GD al momento resta ancora il n° 1. Ma per quanto ancora? Fossi in lui comincerei a preoccuparmi.

T9
T9
20 giorni fa
Reply to  Emil

“T9 non ne fa passare una” …. Fiuuuuuu pensavo non si notasse. Corretta la metafora dell’osso. Mi trovo in continuazione a dover ribattere a dei commenti da cani. Più nella sostanza che nella forma a dir il vero. Non difendo l’innominabile, difendo i dati di fatti travisati, manipolati dai costruttori… Leggi il resto »

Immer
Immer
20 giorni fa
Reply to  T9

Dai cerca di essere sereno, ti piace essere servitore del potere, urbi andasse via cambieresti padrone. Tranquillo non sei né il primo e non sarai l’ultimo

T9
T9
20 giorni fa
Reply to  Immer

E’ arrivato l’intelligentone!

VeneziaGranata
VeneziaGranata
21 giorni fa

Ieri con Pobega sarebbe cambiato poco o nulla. Lo Spezia aveva già avuto molte occasioni prima del goal e si capiva che era solo questione di tempo. Hanno pescato un jolly, ma avevano già tirato (da) fuori dal mazzo un bel po’ di carte prima. Purtroppo, come temevo, le squadre… Leggi il resto »

Rincon, Baselli, Izzo: vecchio Torino, vecchi risultati

Milinkovic-Savic, prima chiamata in Nazionale maggiore: con la Serbia anche Lukic