Dalla Lazio fino all’Inter, Juric si tiene addosso “una sensazione di spreco”: la stagione del Torino vista dal tecnico e dal club

Si è parlato di step in più che manca, che è anche diventato il proverbiale soldo per fare una lira. Fatto sta che, dentro il Torino, circola da settimane una sensazione – amara – di spreco. Ivan Juric ci sta rimuginando ancor di più dopo il pareggio contro l’Inter, e non lo ha nascosto: “Mi rimane addosso, da questa stagione, una sensazione di spreco e incompiutezza. Ragiona a tutto tondo, l’allenatore, quando ripete questa frase – e lo fa, pubblicamente, dalla vigilia della sfida contro i nerazzurri. Ci mette dentro i gol subiti negli ultimi minuti, le disattenzioni dei singoli, ma anche gli errori arbitrali, dal contatto Ranocchia-Belotti fino al cervellotico fuorigioco di Pobega in Torino-Venezia.

Juric e il Torino riflettono: si poteva fare di più

È un dossier del rimpianto, quello che viene fuori ripercorrendo le partite del Toro in questa stagione. Sia chiaro, tecnico, società e pure i tifosi sanno che in quest’annata si è ricostruito tutto quanto era andato distrutto nelle precedenti due: identità, gioco, autostima dei calciatori. Eppure c’è, nelle riflessioni del club, la percezione che si potesse fare di più, avvicinando prima i 40 punti e – perché no – infastidendo Roma e Fiorentina nella corsa al settimo posto.

Il dossier dello spreco

Da Torino-Lazio in poi, da quel rigore regalato e poi trasformato da Immobile (finì 1-1), è lungo l’elenco degli sprechi e dunque dei punti buttati. D’altronde 12 dei 29 gol subiti sono arrivati nel quarto d’ora finale: lecito, aspettarsi una sequela di beffe, come nel derby d’andata (deciso da Locatelli all’85°) o nella sconfitta di Napoli (arrivata all’81°). E poi ancora: il 2-2 in casa contro l’Empoli, dopo una gara iniziata con il doppio vantaggio e poi stravolta dall’ingenua espulsione di Singo; fino ad arrivare ai casi clamorosi e recenti. Come il pari contro il Sassuolo, dopo una partita dominata in lungo e in largo, il 3-3 mancato contro il Venezia dopo una discutibile scelta arbitrale comunque meno grave degli errori di Bologna (il mani clamoroso di Medel) e dell’ultima contro l’Inter, che probabilmente hanno tolto quattro punti al Toro.

Quello che ancora manca al Torino

C’è tutto questo, da giorni, al centro dei pensieri di Juric. Il club ha alzato la voce, per bocca del direttore dell’area tecnica Vagnati (e non del presidente Cairo) sulla questione degli arbitri. Il tecnico, invece, ha riflettuto di più sulle mancanze della squadra: “In troppe partite abbiamo regalato punti. Ci manca la gestione della palla, essere un po’ più furbi, abbassarsi un po’ di più, quelle piccole cose che potevano portare già tanti punti”. Davanti, ci sono ancora dieci partite per dimostrare una scaltrezza diversa. E scacciare la brutta sensazione di spreco che rischia di offuscare quanto di bello e importante è stato fatto in questa stagione.

Ivan Juric, head coach of Torino FC, looks on prior to the Serie A football match between Torino FC and FC Internazionale.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-03-2022


9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
marco ruda
marco ruda
2 mesi fa

io propongo una protesta : nel remoto caso ci venga concesso un rigore Belotti lo calci in fallo laterale e corra verso la telecamera mostrando sotto la maglia granata la scritta “il toro contro la corruzione del calcio”
cosa ne pensate?

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 mese fa
Reply to  marco ruda

mi piace
ma conoscendo il Palazzo prima ci schiafferebbe 10 punti di penalizzazione per comportamento antisportivo e poi ci manderebbe in B
Senza passare per il via e senza appello alcuno

thethaiman
thethaiman
2 mesi fa

Ma se sono anni che prendiamo gol negli ultimi minuti, sai che novità.

glicine
glicine
2 mesi fa
Reply to  thethaiman

Infatti , e se ne sono accorti tutti.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa

cambiare una mentalità ben radicata, sia buona che cattiva, necessita di tempo. Per 2 campionati abbiamo avuto degli agnellini in campo. Gente spaurita che al primo gol beccato si squagliava come neve aal sole. Ora vanno nel panico negli ultimi 5/10 minuti. Capisco che roda il cubo, e che dia… Leggi il resto »

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
2 mesi fa

Analisi corretta…..poi alla fine si faranno i conti.

ardi06
ardi06
2 mesi fa

Giusta analisi, speriamo solo che Juric rimanga al Toro perché se così non fosse avrebbe molti significati negativi. Altra cosa, il DS dell’Atalanta l’anno prossimo non sarà confermato, sarebbe una grande opportunità prenderlo, con tutto il rispetto per vagnati

odix77
odix77
1 mese fa
Reply to  ardi06

lo chiedi in un momento in cui si è fattpo in realtà abbastanza bene… brekalo , ricci su tutti, ma aggiungerei anche zima in prospettiva….. senza dimenticare che praet è stato per noi un bell’ingresso purtroppo non fortunatissimo…. pobega anche, vero la formula non è buona, ma rimane uno tra… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 mese fa
Reply to  odix77

concordo
l’erba del vicino è sempre piu verde, siamo d’accrodo . Ma le cose buone ci sono

Torino arbitro di scudetto e salvezza. E contro le big il trend migliora

Toro, il Genoa in casa non vince da (quasi) un anno. E Blessin è mister X