Il derby e la partita contro l’Inter preoccupano Milan e Napoli. Il Torino indirizzerà le sorti del campionato: ora il Genoa e Nicola

Non avrà il potere di partecipare alle feste, ma di sicuro adesso il Torino ha il potere di farle fallire. Fermo a metà classifica, a cinque punti dai 40 che servono – proverbialmente – per assicurarsi la permanenza in Serie A, i granata sono senza obiettivi veri a dieci partite dalla fine del campionato. Saranno, però, la variabile impazzita di questo finale di stagione, anche perché incontreranno diverse squadre che invece di obiettivi ne hanno eccome: da quelle impelagate nella corsa salvezza a due delle pretendenti allo scudetto. Il Toro affronterà Genoa e Salernitana (la squadra di Nicola: momento amarcord), poi il Milan e dopo tre giornate il Napoli, con in mezzo la sfida interna contro lo Spezia.

Perché in Serie A tutti temono il Torino

I granata sono una compagine temuta da tutti, in Serie A. Non per le qualità tecniche dei singoli calciatori, ma perché giocare una partita contro il Toro significa alzare – rispetto alla media delle partite – i livelli di intensità e fisicità. Per questo, il Milan e il Napoli adesso temono lo sgambetto, soprattutto dopo aver visto il derby e la partita di domenica scorsa: Juventus e Inter hanno rischiato il k.o. e hanno perso punti. Rispetto al girone d’andata, il trend del Toro è migliorato contro le grandi del campionato: quelle che prima erano sconfitte per 1-0 si sono trasformate già due volte in pareggi per 1-1. E i granata meritavano in entrambi i casi qualcosa in più.

Juric, serve un passo in più contro le piccole

Un passo avanti, invece, il Torino dovrà farlo contro le piccole: Venezia e Cagliari sono stati capitomboli clamorosi, che ancora bruciano. Juric si aspetta di più dai suoi, che nella seconda parte di stagione sono incorsi in qualche disattenzione di troppo proprio nelle partite meno di cartello. Venerdì ci sarà il Genoa, che aspetta da sei mesi una vittoria e con Blessin le ha pareggiate tutte, poi la Salernitana di Nicola all’Arechi. Due sfide in cui le avversarie si giocheranno tutto e il Toro sfiderà solo se stesso.

during the Serie A football match between AC Milan and Torino FC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-03-2022


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
T
T
2 mesi fa

Beh, associare le parole “torino” e “arbitro” una di seguito all’altra in questo titolo non è di buon gusto in questo periodo

madde71
madde71
2 mesi fa

c’entra un belino,ma l’entourage bremer molto colpito dal comportamento emissari crucchi

Filippo Bull
Filippo Bull
2 mesi fa

Se devo scegliere basta che nn vince lo scudetto una strisciata,una poi in particolare. Sono molto uguali le strisciate, più tifosi, più vittorie, più aiuti. Quindi spero nel Napoli se proprio devo scegliere. Detto questo sempre è solo 💪🐃💓

Charlie66
Charlie66
2 mesi fa
Reply to  Filippo Bull

quindi vinciamo col milan e ci scansiamo col napoli… 🤭🤭🤭

Izzo ripescato dopo 3 mesi: e per poco non è decisivo

Torti arbitrali, gol subiti all’ultimo. Juric riflette sul dossier dello spreco: le partite dei rimpianti