Torino, Laxalt favorito su Aina pee l'Udinese

Laxalt a caccia di riconferma, e con Aina infortunato…

di Andrea Flora - 11 Ottobre 2019

Laxalt cerca la riconferma per la gara con l’Udinese dopo la bella prova contro il Napoli: l’infortunio di Ola Aina potrebbe essere un vantaggio

Diego Laxalt vuole più continuità nel Torino di Walter Mazzarri e nella partita contro il Napoli ha dimostrato di poterla ottenere. Arrivato nel mercato estivo, l’esterno non è ancora entrato completamente nei meccanismi della squadra di Mazzarri, vista soprattutto la concorrenza che in quel reparto l’uruguaiano ha dovuto battere per ottenere un posto da titolare. Potrebbe essere di nuovo scelto per il prossimo match, alla ripresa del campionato, contro l’Udinese, soprattutto potrebbe vincere prima del tempo il ballottaggio con l’infortunio di Ola Aina in nazionale.

Laxalt, ancora indietro nelle gerarchie di Mazzarri

L’uruguaiano Laxalt non è ancora entrato nei meccanismi ormai oliati della squadra di mister Mazzarri che di conseguenza lo ha messo dietro nelle gerarchie, più precisamente dietro ad Ansaldi e all’infortunato Ola Aina che appunto potrebbe scavalcare per il match in trasferta ad Udine, ma dopo la gara contro il Napoli sembra finalmente essere arrivato il momento della definitiva consacrazione. Messo sul mercato da inizio finestra dal Milan dell’ormai ex Marco Giampaolo, anche per l’arrivo contestuale di Theo Hernandez, Laxalt ci ha messo un po’ prima di trovare la squadra giusta e dopo l’Atalanta che si è tirata indietro per lo stipendio troppo oneroso (pari al quello di Zapata), e ha dato la possibilità a Cairo di arrivare al prestito con diritto di riscatto fisato a 11,5 milioni.

Laxalt, ottimi segnali dalla gara da titolare contro Napoli

Si è finalmente acceso il motore di Diego Laxalt: la definitiva consacrazione è arrivata nel match interno prima della sosta contro il Napoli dove l’uruguaiano è stato schierato da Mazzarri come titolare: qualche sbavatura, un po’ di imprecisione nel primo tempo, ma con il passare dei minuti la sua gara si è fatta di minuto in minuto più convincente. Per il tecnico toscano il giocatore è un vero e proprio jolly, infatti può schierarlo sia tezino che titolare.

2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
giotappo1971
giotappo1971
11 mesi fa

Aina e Meitè mi preoccupano….dopo il primo anno avrebbero dovuto fare il salto ma invece sembrano gamberi…poi ste voci sul loro stile di vita, l’infortunio domestico…voglio sbagliarmi ma i due sembrano i classici talenti con poca testa…

(Ta)Vecchio Cuore Granata (ex rifiuto)
Fabio - (Ta)Vecchio Cuore Granata (ex rifiuto)
11 mesi fa
Reply to  giotappo1971

Talenti? Devo essermi perso qualcosa…