Il serbo è apparso il lieve crescita nelle ultime giornate, ma può fare molto di più: il Pescara è l’avversario giusto per tornare a fare la differenza

Un assist e un rigore procurato contro l’Empoli, un gol sfiorato direttamente da calcio di punizione contro l’Atalanta. Nelle ultime due giornate Ljajic è tornato a incidere e a mettere in difficoltà le difese avversarie. Contro li toscani è stato tra i più positivi, contro i bergamaschi stava trovando la rete che poteva decidere la partita. In entrambe le partite è mancato ancora qualcosa per essere realmente determinante ai fini del risultato finale. Da un giocatore della sua qualità ci si aspetta di più: ci si aspetta quanto ha fatto vedere tra fine ottobre e inizio novembre.

E’ in quel mese e mezzo che Ljajic ha mostrato il meglio di sé in maglia granata: cinque reti e un assist in cinque partite contro Palermo, Lazio, Inter (unico passaggio a vuoto), Udinese e Cagliari. Un filotto che ha fatto ben sperare i tifosi granata e Sinisa Mihajlovic, che più di tutti lo ha voluto portare in granata. Un momento prolifico che, a lungo andare, è risultato illusorio. Dalla sconfitta di Genova contro la Sampdoria, Ljajic è entrato in un periodo di grande difficoltà, come del resto tutta la squadra. Undici partite consecutive senza segnare e un calcio di rigore fallito contro il Milan. Le strigliate di Mihajlovic, (poca) panchina e parecchio nervosismo. Un lungo periodo di appannamento, da cui il giocatore deve uscire, per il bene suo e del Toro.

Il Pescara, ultimo in classifica e in piena crisi tecnica, psicologica e societaria, è l’avversario giusto per ritornare al successo. Per ritrovare, in un colpo solo, il gol, la vittoria e i sorrisi. Non una partita da sottovalutare (guai a commettere questo errore), ma una partita da vincere in maniera convincente con attenzione e sacrificio. Il pubblico del “Grande Torino” vuole tornare a vedere il vero Toro. Ljajic, se ci sei batti un colpo: contro il Pescara puoi tornare decisivo.


33 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
io del 1961
io del 1961(@io-del-1961)
4 anni fa

sto ragazo e la tirava tanto questa estate, al punto che ha voluto mille rassicurazioni che avrebbe potuto andarsene con clausola, ora siamo noi che … avendolo valutato …. vorremmo che se ne andasse, se continua cosi’

RDS 1963
RDS 1963(@rds-tm)
4 anni fa

@NeroWolfe ore 18.15, penso che che tu ti confonda, contro il Milan alla prima giornata si infortunò e fu sostituito da Boye sullo 0 a 0.

mas63simo
mas63simo(@mas63simo)
4 anni fa

Se penso a tutta la pantomima per aquistarlo… mi vien da piangere…x motivare le cessioni importanti la società usa la scusa dei giocatori che devono avere voglia di sposare il progetto e quindi li vendono peccato che quando ha voluto acquistare il serbo questa regola se la sono mangiata (e… Leggi il resto »

L’emergenza rilancia Ajeti: col Pescara occasione per il riscatto

Mihajlovic-Oddo, sfida dal comune passato: insieme alla Lazio, ma non solo