Krstajic ha osservato molte partite di Lukic nel Levante e starebbe pensando di inserirlo nella rosa del 23 per i Mondiali di Russia 2018. Dopo Ljajic, un altro giocatore serbo del Torino potrebbe gocare il Campionato del Mondo

Era cominciata in sordina la stagione di Sasa Lukic nel Levante. Poi, il centrocampista prestato in Spagna dal Torino, ha avuto a poco a poco il suo spazio. E, soprattutto, è riuscito a sfruttare al massimo le sue occasioni. Così, da giovane promessa al limite dell’oggetto misterioso, il Lukic iberico è diventato un giocatore fondamentale: titolare, convincente, un faro per il centrocampo dei rossoblu e, forse, un faro anche per la sua Nazionale. Proprio così: la Serbia starebbe pensando di convocare Lukic per i Mondiali di Russia 2018, secondo le ultime indiscrezioni. Una scelta ponderata, quella di Krstajic, che ha seguito molto la crescita del giocatore, già chiamato per qualche amichevole durante quest’anno.

Torino, Lukic: con la Serbia il sogno dei Mondiali di Russia 2018? Oggi la decisione finale

Nella giornata di oggi dovrebbero essere sciolte tutte le riserve. Sasa Lukic è però tra i candidati (a sorpresa) per il centrocampo della Serbia che andrà a giocarsi i Mondiali insieme a tutte le Nazionali che hanno ottenuto la qualificazione. Un sogno bello e buono, che potrebbe diventare realtà: il centrocampista del Torino ci spera, senza però illudersi troppo; sa che non è tra i convocati sicuri, e che fino all’ultimo la decisione potrebbe cambiare, ma le possibilità che Krstajic possa chiamarlo sono tutt’altro che remote. Nei giorni scorsi, infatti, il ct ha ulteriormente preso informazioni sul giocatore, e oggi dovrebbe dare il suo responso definitivo.

Serbia, non solo Lukic: c’è anche Ljajic del Torino per Russia 2018

E se per Lukic i dubbi ancora ci sono, molti meno sembrano invece quelli relativi ad Adem Ljajic. Il fantasista del Torino è pronto per prendersi carico della Serbia ai Mondiali di Russia 2018, e non vede l’ora di giocarsi, da protagonista, l’edizione estiva del Campionato del Mondo. Il numero 10 del Toro è rinato in queste ultimi mesi, con Mazzarri che, una volta concessagli fiducia, non lo ha più levato. Ora, spera di poter godere di altrettanta considerazione, così come a sperare è proprio Lukic. Che, tra parentesi, si sta già preparando per il suo ritorno in Italia, e al Torino. Sarà uno dei volti su cui i granata ricostruiranno in previsione della prossima stagione, con la speranza che l’esperienza al Levante (leggi anche: il dettaglio delle prestazioni di Lukic) possa avergli davvero permesso di diventare un giocatore formato. Un leader.


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Roby65(Filasempre)
Roby65(Filasempre)
3 anni fa

Il Vate ci ha messo del suo aiutato da un calcio con pochi talenti. Che poi ha cercato colpevoli invece di rinnovarsi. Un sistema che non ha interesse a far crescere il movimento calcio Dai guardate chi ha vinto gli scudetti dal 93 anno dei diritti tv. Questo è un… Leggi il resto »

michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
3 anni fa

Il calcio italiano era malato da tempo. E’ vero. Il fatto è che se tu giochi per non vincere esci e fai brutte figure. Dai tutto, provaci, almeno sei propositivo, cosi da poter dire poi “guardate che giocatori avevo”.

Brunogranata
Brunogranata
3 anni fa

Questo mio commento è per rispondere a 10genà che ringraziava sarcasticamente Tavecchio e Ventura. L’ho postato nella posizione sbagliata. Aggiungo che negli ultimi due mondiali con altri allenatori più blasonati non abbiamo comunque superato la fase a gironi. Il declino del nostro calcio era nell’aria già da tempo ma come… Leggi il resto »

Le pagelle del Torino 2017/2018, i portieri: Sirigu super, Milinkovic-Savic da rivedere

Toro, i granata in Nazionale: Bonifazi il primo a scendere in campo