Lyanco, il Toro ti aspetta: il difensore è pronto a giocarsi le sue carte

6
Lyanco
CAMPO, 29.11.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Coppa Italia, TORINO-CARPI, nella foto: Lyanco

Lyanco continua a lavorare per recuperare dall’infortunio: niente vacanze per il difensore che vuole convincere Mazzarri

Vacanze sì, ma non per tutti. Tra i tanti granata che in queste ore si stanno godendo un po’ di riposo prima di ritornare alla corte di Mazzarri e ricominciare i lavori in vista della sfida contro il Sassuolo, c’è infatti chi ha approfittato della settimana di stop per continuare il lavoro personalizzato per recuperare dall’infortunio. Si tratta, in particolare, del difensore granata Lyanco, rimasto a Torino per proseguire le terapie che dovrebbero riportalo al più presto ad essere a disposizione del nuovo tecnico.

Così come gli altri infortunati, infatti, Lyanco è uno dei granata che ancora non è riuscito a mettersi in mostra con Mazzarri e, complici anche le gerarchie saltate con l’avvicendamento in panchina, la volontà di tornare immediatamente a disposizione ha spinto proprio Lyanco a rinunciare alle vacanze per proseguire il lavoro di recupero. Il rientro al Filadelfia, infatti, sarà per il difensore, così come per tutto il gruppo, estremamente importante. Pensare che Mazzarri cambi più di una cosa rispetto alla squadra vista in campo contro il Bologna è più che lecito e per tutti, difensore incluso, l’obiettivo non può che essere quello di riconquistarsi il posto in squadra. Le doti tecniche e la determinazione del giocatore sono cose ormai note ma sarà ovviamente Mazzarri a dover decidere chi è pronto a guidare il suo Torino. Le idee di gioco del tecnico, con un possibile passaggio alla retroguardia a 3, infatti, rendono proprio la difesa il reparto che, potenzialmente, potrebbe subire maggiori rimaneggiamenti e per i difensori granata, convincere Mazzari sarà l’obiettivo primario. Determinazione e impegno a Lyanco di certo non mancano: il giocatore vuole tornare a disposizione nel minor tempo possibile e riprendersi un posto che ha già dimostrato di poter meritare. La “sfida Mazzarri” è lanciata e Lyanco è pronto a vincerla.

6 Commenti

  1. Nella pesca a strascico del mercato petracchiano è certamente tra i pochi che meritano di essere rivalutati. Sempre con la speranza che i problemi fisici avuti sino ad ora siano incidentali e non diventino una costante.
    Il vizietto di essere un po’ presuntuoso in uscita con la palla al piede si toglie facilmente….

  2. ha mostrato alcune ingenuità gravi a condire fisico e tecnica indiscutibili

    speriamo che mazzarri sappia cavare il meglio anche da lui, disciplinandolo a livello tattico e di buon senso (non è necessario scartare l’uomo che ti pressa)