Con l’arrivo di Lukic, ufficializzato nella giornata di ieri, sale a quota tre il numero di giocatori provenienti dal campionato serbo approdati al Toro.

Tre serbi, uno per reparto, a cui va aggiunto, ovviamente, il tecnico Sinisa Mihajlovic, connazionale proprio di Lukic, così come di Ljajic e Miaksimovic.

Fermo restando che il futuro di Maksimovic resta ancora tutto da scoprire, con il Toro intenzionato a tenerlo ma con una certezza che ancora no c’è, la stagione 2016/2017 parte già con un primo record: sarà infatti la stagione con il maggior numero di giocatori serbi tesserati. Nel passato, infatti, altri tre giocatori provenienti dalla Serbia hanno vestito la maglia granata, ma in stagioni differenti.

Nel 1999-2000 il primo serbo ad approdare sotto la Mole è stato l’attaccante Ilija Ivic. Dopo aver vinto tre campionati greci e una Coppa di Grecia con l’Olympiakos Pireo, di cui è diventato una era e propria bandiera con 64 reti segnate, viene ingaggiato dal Toro. il campionato italiano non è semplice, però, e Ivic non riesce ad imporsi. E dopo una sola stagione nella quale trova pochissimo spazio fa ritorno in Grecia.

La stagione 2005/2006, invece, vede l’arrivo in granata di Nikola Lazetic, uno dei primi centrocampisti dell’era Cairo. Prelevato dal Livorno, si rende protagonista, insieme ai compagni, di quell’annata stupenda che riporta il Toro, dopo il fallimento e un anno di Serie B, nella massima Serie. L’anno successivo, invece, fatica a mettersi in mostra e nonostante un posto da titolare praticamente fisso non riesce a guadagnarsi la riconferma. Così, nel 2008, fa ritorno in patria al Stella Rossa Belgrado, la squadra che lo lanciò nel calcio professionistico.

20150422182329_Stevanovic

Nello stesso anno dell’addio di Lazetic, è Alen Stevanovic a sostenere un provino con il Toro. l’esito però non fu positivo. Giudicato da Cairo e da Novellino non adatto perché troppo frenetico nel modo di giocare, viene dapprima scartato e ingaggiato solo due anni più tardi, nel 2010. Arriva a vestire la maglia granata in compartecipazione con l’Inter ma l’allora tecnico Lerda lo schiera soltanto in 8 partite nel campionato di Serie B e 2 in Coppa Italia. Alla fine dell’anno passa in prestito al Toronto, negli Stati Uniti. La sua esperienza granata non è però conclusa: nel 2011 viene rinnovata la compartecipazione tra Toro e Inter e il 4 settembre Stevanovic mette a segno la sua prima rete da professionista nella partita contro il Varese, portando in vantaggio la squadra granata. Chiuderà la stagione con 36 presenze e 3 reti. La stagione successiva, dopo 15 presenze e 2 reti, il Toro risolve a proprio favore la compartecipazione con i neroazzurri ma Stevanovic non riesce più a ritagliarsi uno spazio significativo con la maglia granata. Dopo una serie di prestiti, ad agosto 2015, rescinde così il suo contratto con il Torino e approda al Partizan Belgrado, facendo così ritorno in Serbia.

Tre giocatori che, nel passato, non sono davvero riusciti a sfondare con la maglia del Toro, contribuendo solo in minima parte ai successi dei granata. Quest’anno la situazione pare essere decisamente differente. Maksimovic è ormai una certezza, una delle vere colonne del reparto difensivo così come Ljajic ha tutte le carte in regola per diventare uno dei punti di riferimento dell’attacco granata. Lukic, ultimo arrivato in casa Toro, è il meno conosciuto e attorno a lui c’è parecchia curiosità. Il Toro lo segue da tempo e la giovane età gioca senz’altro a suo favore. Ora non resta che dare tempo a Mihajlovic per lavorare, anche con i suoi connazionali.

TAG:
ljajic lukic maksimovic Mihajlovic

ultimo aggiornamento: 30-07-2016


64 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
torogranata65
torogranata65(@torogranata65)
5 anni fa

CAIRETTO comincia a fare sul serio.. Squadra ancora incompleta in verita’ ma con individualità niente male quest’anno.. mi aspetto tantissimo sia dalla colonia slava, che da quella Sudamericana.. Ma ancor di piu’ mi aspetto da gallo belotti.. Ancora tre settimane di passione per sistemare meglio centrocampo e difesa e poi… Leggi il resto »

Vita
Vita
5 anni fa

Basta che non prendano sudamericani..

Mimmo75
Mimmo75
5 anni fa

Valdifiori e il Toro han stretto all’angolo DeLaurentiis. L’accordo col giocatore è pieno ma si vuol far credere non sia così per mettere pressione al Napoli che rischia di ritrovarselo sulle croste con Diawara in stand by e i, rischio chxvada ala Roma. IToro non si schioda dai 4 milioni… Leggi il resto »

Martinez e Boyè convincono Mihajlovic. In Austria per la conferma definitiva.

Sisport, oggi la ripresa: porte aperte alle 17.30