Mazzarri vs Conte: 3-5-2 a confronto - Toro.it

Mazzarri vs Conte: 3-5-2 a confronto

di Andrea Piva - 21 Novembre 2019

Walter Mazzarri e Antonio Conte, due allenatori tanto diversi ma uniti dallo stesso credo tattico: difesa a tre e gioco improntato sulle fasce

Quando in Italia si parla di 3-5-2, i primi due allenatori a cui si pensa sono Walter Mazzarri e Antonio Conte. Due tecnici che proprio puntando su questo modulo hanno finora scritto le pagine più importanti delle rispettive carriera. Ancora oggi i due allenatori puntano con convinzione su questo sistema base, pur avendo entrambi in più occasioni adottato anche qualche variante tattica (come il 3-4-2-1). Nonostante questo non si può certo dire che il gioco di Torino e Inter sia pressoché identico: sono le qualità tecniche e le caratteristiche di ogni singolo a determinare le differenze di interpretazione del modulo.

Mazzarri-Conte: attaccanti diversi, movimenti differenti

Mazzarri predilige schierare una sola vera punta al centro dell’attacco (Belotti) con uno o due trequartisti / esterni a dargli supporto: basti pensare al fatto che sono davvero poche le volte in cui nella formazione titolare ha schierato Zaza al fianco del Gallo. Conte sembra invece aver trovato l’equilibrio giusto affiancando Martinez a Lukaku: i due attaccanti nerazzurri sono poi supportato da un centrocampista che in fase offensiva si alza nel ruolo di trequartista. Nella formazione titolare questo è il compito di Sensi.

Torino e Inter le squadre che crossano di più

Entrambi gli allenatori, invece, puntano molto sui due esterni di centrocampo che, in fase offensiva, diventano due vere e proprie ali con il compito di andare sul fondo per il cross o attaccare il secondo palo per la deviazione di testa. Così l’Inter ha vinto la gara interna contro la Fiorentina: 1-0 il finale con colpo di testa di D’Ambrosio su cross da sinistra di Biraghi. Ma questi stessi movimenti li fanno spesso anche gli esterni del Torino, come dimostra la rete di De Silvestri contro il Wolverhampton su traversone preciso di Ansaldi. Complice anche un rendimento e una condizione fisica dei difensori inferiore a quello della passata stagione, in questo primo scorcio di campionato i terzini granata sono però stati più prudenti rispetto al passato e i cross di un terzino per l’altro si sono finora visti di meno. Non è però un caso che Inter e Torino, dopo le prime dodici giornate di campionato, siano le due squadre che hanno effettuato il maggior numero di cross utili in tutta la serie A: 90 quelli dei nerazzurri, 87 quelli dei granata.

2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ElRubio (Paolo)
ElRubio (Paolo)
10 mesi fa

Quello di mazzarri è un 532: noi abbiamo due terzini in fascia loro due esterni di centrocampo. non si possono paragonare i due schieramenti.

mas63simo
mas63simo
10 mesi fa

Quello di Mazzarri fa cagare !