Contro il Nizza ha dimostrato di essere cresciuto, domani Meité è atteso dall’esame Chapecoense: in palio c’è un posto in squadra per la prossima stagione

Il posto in squadra, almeno da titolare, Meité non se l’è ancora conquistato ma i passi avanti ci sono e la strada per ritagliarsi uno spazio importante in questo senso sembra essere quella giusta. Strada che, inevitabilmente, passa dalle sfide di queste settimane che stanno avvicinando il Torino all’esordio ufficiale in Coppa Italia. Dopo la sfida contro il Nizza, in particolare, domani sera Meité avrà occasione di ripetersi: un esame che il giovane granata dovrà superare per cercare di guadagnarsi la fiducia di Mazzarri anche in vista dei match ufficiali.

Toro, Meité cresce: ora serve lo scatto finale

Contro il Nizza i segnali sono stati chiari: il giocatore sta indubbiamente crescendo e anche se il ritmo e la forma fisica non sono ancora ai livelli perfetti, i margini di miglioramento sono senza dubbio ampi. Come mezzala Meité può consentire al Torino di rinforzare la propria mediana sia dal punto di vista tecnico che, soprattutto, fisico permettendo ai granata di avere un’arma in più soprattutto nelle partite più “bloccate” e, appunto, fisiche. Ma il ruolo ricoperto nel 3-5-2 visto contro i Francesi potrebbe non essere il solo banco di prova per il giocatore.

Toro, contro la Chapecoense Mazzarri valuta il cambio modulo

Se infatti domani sera, nella sfida contro la Chapecoense, Meité avrà un’altra grande occasione da sfruttare per ritagliarsi un posto in squadra anche nel corso della stagione che sta per cominciare, non è altrettanto sicuro che Mazzarri mandi in campo lo stesso Toro visto contro il Nizza. In dubbio, infatti, c’è il modulo: i granata scenderanno in campo nuovamente con il 3-5-2 o il tecnico opterà per il 3-4-3? Una scelta che, gioco forza, coinvolgerà lo stesso Meité. In caso di cambio modulo, infatti, il giocatore si ritroverà a ricoprire il ruolo di centrale: un’occasione, questa, che rappresenterà un doppio esame per il centrocampista granata. Dimostrare di sapersi adattare in più ruoli a seconda delle necessità e confermare i progressi visti contro il Nizza sarebbe certamente il modo migliore per puntare a convincere Mazzarri e guadagnarsi un posto in squadra ad inizio campionato.


21 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
3 anni fa

Uno o due mesi x entrare in forma ? Ma il campionato inizia tra una ventina di giorni e non con una neopromossa !

rimbaud
rimbaud
3 anni fa

Perfino toronews e noi granata hanno scritto che meite ha fatto schifo..

giotappo1971
giotappo1971
3 anni fa

L’ho vista su Toro Channel e non l’ha quasi mai vista. A sua discolpa dico però che almeno lui è un bisonte e gioca con noi da pochissimo, Rincon e Baselli hanno fatto schifo altrettanto, quindi va giudicato tra almeno 2/3 mesi…

tric
tric
3 anni fa
Reply to  giotappo1971

Su Rincon sono d’accordo, su Baselli no. Sta facendo quel che dovrebbe fare appunto Rincon e si danna l’anima per contrastare più che per costruire.

Toro,la presentazione di Bremer e l’arrivo della Chapecoense: il programma

Ichazo-Rosati: Mazzarri ha scelto le gerarchie dietro a Sirigu