L’allenatore del Toro, Mihajlovic, sui suoi primi mesi in granata: “Non possiamo permetterci il fuoriclasse, ma la rosa è da migliorare. Abituiamoci alla pressione”

Anno nuovo, Sinisa Mihajlovic vecchio. L’allenatore del Toro non cambia, e continua dritto per la sua strada, spronando i suoi giocatori a fare sempre di più, “per me è stato un anno abbastanza positivo, ma non mi accontento mai” dice. E sulla squadra granata non ha alcun dubbio: “Lanciamo tanti giovani. Serve coraggio, come servì per schierare Donnarumma l’anno scorso. Noi abbiamo già lanciato Barreca, Lukic e Boyé oltre a quelli già noti come Baselli e Benassi, ma ora non devono adagiarsi. Devono continuare a lavorare per confermare il loro valore“.

Ma ciò che si aspetta nell’immediato Mihajlovic è una risposta dalla società sul mercato: “La rosa va migliorata” dice in una lunga intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica. “Dobbiamo migliorarci in diversi punti, e la somma di quei miglioramenti, non potendoci permettere il fuoriclasse, ci potrà dare del beneficio. Servono esperienza e personalità, soprattutto. E per chi già c’è, serve abituarsi a sopportare la pressione: dobbiamo abituarci allo stress da vittoria, che può portare ansia. Ma noi puntiamo sempre all’Europa, giocando d’attacco e cercando di fare sempre la partita. Che è poi nel DNA del Toro“.

Infine, sempre parlando di Toro, Mihajlovic fa un confronto tra Cairo e Berlusconi: “Con Cairo c’è maggiore sintonia. Ma è un paragone azzardato: vivono epoche diverse” conclude.


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ciri
ciri(@ciri)
5 anni fa

Mihajlovic lo farei parlare solo quando avra’ vinto qualcosa. Per adesso é uno degli allenatori più perdenti del mondo-

Scin
Scin(@scin)
5 anni fa

Dalla foto traspare in effetti tutta la sintonia di vedute: uno ha lo sguardo verso l’Europa, l’altro verso le plusvalenze (“Uhmm…ed ora chi vendo?”).

Mimmo75
Mimmo75
5 anni fa

Ancora una volta ribadisce la sintonia con Cairo. Ancora una volta son felice di constatare che esiste la condizione principale per poter crescere e ottenere risultati.

Pallone Azzurro: Belotti secondo, vince Buffon

Ghana, i convocati: c’è Acquah, non parte Donsah