Mihajlovic: “La Juve? Sono nato pronto”

di Andrea Flora - 21 Maggio 2019

Il tecnico del Bologna, Mihajlovic, al termine della gara contro la Lazio e la conquista della salvezza, parla dei contatti con la Juve per il prossimo anno

Il Bologna è matematicamente salvo con una giornata d’anticipo. Il merito è tutto suo: di Sinisa Mihajlovic. Da quando il serbo si è seduto sulla panchina degli emiliani c’è stata una vera e propria svolta e a suon di buoni risultati i rossoblu si sono tolti dalle zone basse della classifica e con i 41 punti conquistati, si sono garantiti la permanenza in Serie A anche per la stagione 2019/2020. Al termine della partita pareggiata per 3-3 contro la Lazio, nel posticipo di ieri sera, il tecnico serbo ha anche parlato delle possibilità di un futuro alla Juventus per la prossima stagione e dei contatti che la società di Agnelli abbia già avuto con l’ex tecnico granata; e sulle voci dei contatti avuti con i bianconeri Mihajlovic ha risposto così: “Se ho avuto contatti con la Juve? Sì, cinque anni fa e poi basta”.

Mihajlovic, pronto al salto dal Bologna alla Juventus

Quello che sicuramente non manca a Sinisa Mihajlovic è la grinta e la voglia di mettersi in gioco con rabbia e passione. Due caratteristiche che potrebbero aver fatto la differenza agli occhi della Juventus che ha anche il suo nome nella lista dei papabili successori di Massimiliano Allegri alla guida dei bianconeri.

Mihajlovic commentando questa possibilità non si sbilancia e anzi, preferisce parlare più in generale del percorso che un tecnico deve fare per crescere e rimanere sempre pronto alle nuove sfide: “Io penso che sono cambiato come allenatore, noi ci dobbiamo aggiornare sempre e studiare cose nuove, ci si migliora e io ci provo sempre. Se sono più pronto rispetto a prima? Io sono nato pronto”.

Mihajlovic, a Bologna impresa salvezza compiuta

La prima apparizione di Sinisa Mihajlovic sulla panchina del Bologna risale al 3 febbraio, e la sfida che attende i rossoblu, in quel momento terzultimi in classifica, è un classico testa-coda: Inter-Bologna. E proprio sul terreno di gioco di San Siro, il serbo mette in mostra le prime migliorie ad una squadra che con Pippo Inzaghi allenatore, non riusciva a trovare i risultati sperati. Vittoria per 1-0 contro i nerazzurri e primi tre punti dell’era Mihajlovic. Ci vuole un po’ prima che ingrani la marcia la squadra rossoblu, infatti subito dopo arrivano un pareggio e tre sconfitte; cancellate dalle successive 3 vittorie consecutive – tra cui il 3-2 contro il Toro.

In tutto il Bologna ha conquistato 27 punti in 16 partite con Mihajlovic in panchina, realizzando 29 gol e subendone 20; numeri con cui hanno raggiunto la salvezza.

più nuovi più vecchi
Notificami
90ss
Utente
90ss

Quando era alla Samp nella fine del primo anno fu ingaggiato dalla Juve , tranne ritrattare per un intervento di Garrone su Andrea Agnelli …

sofferenza (il Guru a Cittadella)
Utente
sofferenza (il Guru a Cittadella)

Chissà perché non è venuto fuori il nome del Guru Tagliagole. Eppure dopo l’impresa di Bilbao l’Europa si è inginocchiata ai suoi piedi.

R2D2
Utente
R2D2

liberi di crederci o no, purtroppo oggi un mio amico ha visto entrare in un hotel Paratici e Guardiola……

Vegeta
Utente
Vegeta

Paratici era a Milano con l uomo mercato dell arsenal e oggi Tothenam … lhanno detto su radio sportiva…. e hanno pure provato ad intervistarlo….

T
Utente
T

Magari hanno una relazione clandestina…