Dopo la sconfitta in Coppa Italia in Milan-Torino, Armando Izzo ha commentato la prestazione tramite il proprio profilo Instagram

Una sconfitta che lascia l’amaro in bocca, quella del Torino contro il Milan. Il recupero all’ultimo minuto del tempo regolamentare da parte dei rossoneri, con la vittoria sancita definitivamente ai tempi supplementari, dettata da due golm di scarto, fanno male, dopo il vantaggio in rimonta ottenuto grazie alle reti di Bremer. La cosa più importante peròera dare un segnale, e il Toro di ieri ci è riuscito. Dopo lo 0-7 con l’Atalanta, è andato tutto in frantumi. Serviva un collante per riattaccare insieme i pezzi e contro il Milan qualcosa si è mosso. E’ proprio questo ciò che Armando IZzo ha voluto sottolineare nel post su Instagram pubblicato dopo la partita. “Più di mille parole, la risposta migliore è sempre una maglia sudata.“, questa la descrizione scelta, per dimostrare che è il campo a parlare.

Izzo sui social invita a tornare uniti

Una sfida ardua da affrontare, soprattutto con un Toro così in emergenza per i numerosi assenti e con il morale basso dopo l’ultima prestazione offerta inc ampionato. C’è ancora molto su cui lavorare, ma la risposta c’è stata. Izzo ha descritto così la partita: “Abbiamo giocato a testa alta e con coraggio. È ora di stare uniti, tutti insieme!“. Invita quindi a ristabilire l’unità che c’era fino a qualche mese fa, sgretolatasi man mano nel corso di questa stagione.

Ecco il post di Instagram del difensore del Toro.

https://www.instagram.com/p/B74dpveoBUV/?utm_source=ig_web_copy_link
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-01-2020


17 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Rob72
Rob72
4 anni fa

E già con la testa altrove …. lo e da luglio .. quest’anno è tutt’altro giocatore rispetto l’anno scorso dove era una certezza

ardi06
ardi06
4 anni fa

Uno dei primi ad andare via a luglio

urto (andrea)
4 anni fa

ma questo manco sa quello che dice

I biglietti di Lecce-Torino: prezzi ed informazioni utili

Bremer si improvvisa goleador ma non basta: i Top e i Flop di Milan-Torino