Nelle ultime tre partite di campionato Vanja MIlinkovic-Savic è stato decisivo, mantenendo tre volte di fila la porta inviolata

Dopo i grossolani errori nel derby della Mole e dopo i tre gol subiti nella sfida contro l’Inter Milinkovic-Savic è stato molto criticato e alla fine è stato messo in panchina in Coppa Italia contro il Frosinone e in campionato contro il Bologna per far giocare il giovane Gemello. Il portiere italiano però a causa della sua poca esperienza ha subito 4 gol nelle 2 partite disputate di cui uno è stata direttamente colpa sua; infatti contro il Bologna la sua uscita su Fabbian ha portato al gol del vantaggio per i rossblù. Successivamente nella sfida contro l’Atalanta è tornato titolare il numero 32 dei granata assicurando al toro il clean sheet con qualche buon intervento, la buona prestazione e la vittoria sensazionale ha portato Juric a riconfermare lui e gli altri giocatori anche contro il Frosinone, gara che sicuramente non è stata emozionante e in cui i granata non sono riusciti ad affondare il colpo decisivo. Il Toro è comunque riuscito a portare a casa 1 punto grazie agli interventi di Milinkovic-Savic che è riuscito ancora una volta a mantenere la rete inviolata. Nella sfida di ieri poi il portiere serbo è riuscito a salvare il risultato con un intervento strepitoso in uno contro uno, andando a togliere con la mano il pallone dai piedi di Cancellieri che superato Tameze aveva anche provato a superare l’estremo difensore granata. Con quest’ultima rete inviolata il serbo ha messo in saccoccia il suo ottavo clean sheet della stagione.

Vanja tra errori grossolani e prestazioni di alta qualità: manca la continuità

Il portiere serbo è un giocatore dalle qualità evidenti, qualità che gli sono fornite anche dalla sua incredibile altezza, 202 centimetri, il che gli permette di arrivare dove altri non arrivano nelle uscite alte e di arrivare, distendendosi a prendere palloni che altri non prenderebbero. Tuttavia nonostante abbia giocato moltissime partite in carriera, 98 solamente con il Torino, il numero 32 ha spesso commesso errori grossolani più tipici di un giovane portiere come Gemello. Vanja insomma, nella sua carriera da primo portiere al Torino, ha continuato ad alternare prestazioni sensazionali con riflessi felini e miracoli che hanno salvato il risultato, come quella contro l’Empoli di ieri, a prestazioni con errori veramente grossolani come quelli in uscita contro la Juventus, gara in cui non è riuscito a prendere il pallone per ben 3 volte uscendo sulle palle inattive provocando la sconfitta dei granata prendendo ben 2 gol su calcio d’angolo e rischiando addirittura di prenderne un terzo. Quello che manca al portiere granata è quindi evidentemente la continuità, purtroppo il problema è lo stesso da ben 3 anni, da quando, dopo l’addio di Sirigu il numero 32 è diventato titolare nella formazione di Juric. Nelle ultime tre partite il giocatore granata sembra stia migliorando e si spera, per il bene della squadra che continui su questa strada e non commetta più errori grossolani che portino alla sconfitta dei granata.

Vanja Milinkovic-Savic
Vanja Milinkovic-Savic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 17-12-2023


18 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
suoladicane
suoladicane
2 mesi fa

sul goal annullato ha sbagliato, le palle in aerea piccola devono essere delportiere
sulla “paratona” in uscita, credo sia di “normale” amministrazione per un portiere di serie A

madde71
madde71
2 mesi fa

sul pmo goil annullato all’empoli è stato a dir poco imbarazzante,non sapeva cosa fare e si è rotolato nell’area piccola come una foca sullo scoglio.
sull’uscita bassa,si,gli riesce bene,se prende il tempo giusto.
comunque rispetto i suoi sforzi x migliorare,anche extracampo

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  madde71

Ricordo a 0.3madde che il bruciore che sente in fondo, probabilmente non sono emorr oidi

Scimmionelli
2 mesi fa

Se Vanja avesse preso un gol come quello che ha preso Berisha da Zapata sarebbe stato subito…. Crocifisso!

Cairo: “Vanja cresce, dobbiamo essere contenti della squadra che abbiamo”

Zapata ancora in gol: è sempre più decisivo