La moglie di Alessio Cerci torna a parlare dell’addio al Torino: “Al cuore si devono accompagnare i fatti: li meritava più di chiunque”

Federica Riccardi, la moglie di Alessio Cerci, attirò su di sé una pioggia di critiche dopo la pubblicazione di una frase, sui social. “Addio Serie A, andiamo nel calcio che conta”, scrisse quando l’ala di Valmontone – era l’estate 2014 – venne ceduta dal Torino all’Atletico Madrid. Il polverone, però, era ingiustificato. Ed è proprio la Riccardi, in risposta a un commento su Instagram sotto a un post del marito, a spiegare nuovamente il perché: “La mia frase era per alcune persone che non avevano nulla a che fare col Toro e che per mesi presero in giro Alessio con trattative e false promesse. Si parla di direttori sportivi. Ma nessuno ha mai voluto comprenderlo”.

“La persona che ha sofferto più di tutti è Alessio”

Lasciare il Toro, non fu invece per niente facile per la famiglia Cerci: “Abbiamo pianto mesi perché il cuore ci ha sempre detto di restare”, ha spiegato Federica. Che però ha aggiunto: “Al cuore si devono accompagnare i fatti, quelli che lui meritava più di chiunque altro in quella società. E la cosa più triste è che a lui sono stati negati. Ora non riapriamo polemiche inutili, è andata così. Però in questa storia le colpe sono un po’ ovunque”.

E qui emergono le presunte responsabilità della società granata, ovvero “di chi doveva blindare mio marito come un tesoro raro”. Anche Cerci e la Riccardi, però, non si assolvono: “Abbiamo creduto di poter rinunciare a quell’amore che c’era in quello stadio per provare a raggiungere nuovi obiettivi. Ma credetemi se vi dico che la persona che ha sofferto più di tutti è solo una. E questa persona si chiama Alessio Cerci”.

Alessio Cerci, Torino FC
Alessio Cerci, Torino FC (Ph: Campo)
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-11-2020


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
pear
pear
1 anno fa

I giocatori che fanno una buona stagione alla Cairese vanno ceduti. Non ci sono obiettivi e stipendi adeguati per giocatori affermati o quotati. Quella è l’unica via quella dei Petrachi e dei Ventura. Altrimenti si torna ai Recoba, ai Barone, agli Zaza inutili, agli Izzo in tribuna , agli Nkoulou… Leggi il resto »

odix77
odix77
1 anno fa
Reply to  pear

invece le squadre che sono piu o meno al nostro livello e che hanno qualche obiettivo non vendono nessuno : chiesa, bernardeschi, mancini, conti, kessie , caldara e la lista sarebbe lunga e infinita…. e guarda ti aggiungo anche compatibilmente con la differenza di livello e obiettivi : pogba ,… Leggi il resto »

pear
pear
1 anno fa
Reply to  odix77

Il tifoso è giusto che si lamenti quando i risultati son quelli della Cairese 15 anni di derby persi e prese per il culo. Per comprare bene ci vuole una rete capillare di osservatori, tecnici preparati che ti consigliano ma qui non c’è nulla di tutto questo e i risultati… Leggi il resto »

vecchiamaniera
vecchiamaniera
1 anno fa
Reply to  odix77

Nessuno è incedibile.Sia xchè vogliono squadre più ambiziose o perché il loro valore è triplicato in una stagione.Ahime’, possiamo permetterci giocatori forti, molto meno di altre squadre proprio perché non c’è la volontà vincente che parte dall’alto.Il problema non è tanto chi parte,ma chi arriva..

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 anno fa

che cerci fosse una testa calda lo sapevano ttti. dico già da prima che venisse al Toro. e a mio parere mentalmente è persona molto debole, che per rendere deve essere preso in un certo modo, difficilmente individuabile, visto i tanti flop. ma una verità sembra innegabile: l’anno della partenza… Leggi il resto »

io
io
1 anno fa

grazie Alessio per quello che mi hai fatto provare quando sei stato con noi !!!!

L’Inter in casa stenta, per il Torino l’unica vittoria è stata in trasferta: i numeri

Singo alla prova San Siro: un altro passo verso il rinnovo