Alle 20 l’amichevole tra Lussemburgo e Senegal potrebbe avere tra i protagonisti proprio il granata Niang: per l’attaccante del Torino c’è da riscattare la stagione

Non è stata certamente una stagione esaltante per Niang che stasera, col Senegal, sarà impegnato in amichevole premondiale, in attesa della kermesse di Russia in partenza tra due settimane. Ai mondiali il Senegal ci sarà e ci sarà anche l’attaccante del Toro, chiamato ad una prova che possa riscattare un’annata non certamente positiva. Alle 20 il calcio d’inizio della sfida tra il Lussemburgo e il Senegal (dove presente nella spedizione c’è anche il classe ’93 Gomis), sfida di preparazione a Russia 2018. Per Niang l’occasione di dimostrare il proprio valore e la bontà dell’investimento fatto da Cairo la scorsa estate, quando l’ex rossonero si era trasferito per una cifra vicina ai 20 milioni di euro.

Niang: il Torino lo osserva ma il futuro è in bilico

Un messaggio al Toro, quello che Niang vorrebbe mandare dalla Russia nelle prossime settimane. Anche perché i granata progettano il futuro di una squadra nei cui meccanismi Niang non si è rivelato  fondamentale, al contrario. E considerato che Mazzarri ha più volte detto di non volere un numero eccessivo di attaccanti (quattro al massimo) e che in entrata almeno un colpo si farà, logico aspettarsi qualcosa in più dal senegalese dopo mesi di pochi alti e di tanti, troppi bassi.


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mcmurphy
mcmurphy
3 anni fa

È stato un investimento sballato ma si sapeva,ora bisogna chiudere gli occhi e sbolognarlo al primo offerente tanto la madre dei cretini è sempre incinta e qualche similcairo se lo prenderà…

Pedric
Pedric
3 anni fa

L’uomo non lo conosco anche se non se ne dice benissimo.
Il giocatore vale pochissimo, zero in serie A. Lo sapevamo tutti…anche Cairo.

mas63simo
mas63simo
3 anni fa

Piu’ che’ non incedibile’ direi che è……. passatemi il termine ‘ incomprabile’ !

Il Torino Primavera omaggia Astori a Firenze

Seconde Squadre, ecco i criteri per i club di A. Per il Torino strada in salita