Nkoulou ha parlato a Marca, uno dei giornali che fa parte del gruppo RCS. Obiettivo salvezza col Toro ma sguardo che non manca al futuro

Intervistato da Marca – giornale spagnolo che fa parte del gruppo RCS, di cui il Urbano Cairo è presidente – Nicolas Nkoulou ha parlato del suo presente ma ha anche accennato al futuro. “Al momento l’unico pensiero è la salvezza col Torino, non abbiamo il diritto di fallire. Questo è un club speciale è per la sua storia, i trofei vinti e lo spirito che caratterizza il club: ne sono un esempio i suoi tifosi che, di generazione in generazione vivono questa tradizione”. Così il difensore, che nelle ultime partite è tornato titolare, in un periodo coinciso con un riassestamento della retroguardia. Il contratto di Nkoulou è in scadenza il prossimo 30 giugno e ad oggi non ci sono segnali di rinnovo. Il camerunese si è espresso anche su questo punto.

Nkoulou: “Champions? Sarebbe bello”

In particolare sulla possibilità di giocare (altrove) le Coppe europee, una in particolare. “Sarebbe una bella cosa poter tornare a giocare la Champions, ma per ora l’unico obiettivo è conquistare la salvezza con Belotti, Singo, Sirigu, Bremer, Izzo, i miei compagni e fratelli a Torino”.

Prima dell’approdo in Serie A, Nkoulou è stato protagonista in Francia. “Deschamps è stato un punto di riferimento, è venuto a cercarmi a Monaco per portarmi a Marsiglia, ha sempre saputo stimolarmi nel modo giusto per farmi crescere, grazie a lui ho scoperto di poter arrivare molto in alto”, ha spiegato, definendo l’attuale ct della Francia “un grande allenatore e un grande uomo”. Poi sui modelli: “Il mio idolo? Nesta: è stato l’esempio perfetto del libero all’italiana. Tecnico, veloce, abile nelle letture tattiche”.

Nicolas NKoulou
Nicolas NKoulou
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-02-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Sir Joe
Sir Joe
1 anno fa

Con 4 righe ha descritto cos’era il Toro (senza Wikipedia di cairota memoria), che abbia tradito quello spirito forse è anche vero.

mas63simo
mas63simo
1 anno fa
Reply to  Sir Joe

Il primo a tradire è stato Cairo. Poi tutto è stato una conseguenza.

Pedric
Pedric
1 anno fa

Si hai ragione si tratta veramente di un club speciale, gestito da dominus speciale, telecomandato una famiglia speciale. Coraggio mancano solo 3 mesi e poi saranno solo ricordi.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 anno fa

“Questo è un club speciale è per la sua storia, i trofei vinti e lo spirito che caratterizza il club: ne sono un esempio i suoi tifosi che, di generazione in generazione vivono questa tradizione”.  Senza pudore A giugno andrà via; ma per quel riguarda molti di noi, è già… Leggi il resto »

Boyé, il prestito funziona: con lui il Toro può monetizzare

Robaldo, le tappe di una storia infinita: è (quasi) tutto fatto, ma i lavori non partono