Ola Aina, con la Nigeria per non fermarsi: in Brescia-Torino ha convinto

Ola Aina, con la Nigeria per non fermarsi: a Brescia ha convinto

di Francesco Vittonetto - 13 Novembre 2019

Dopo un avvio di Serie A poco brillante, Ola Aina si è messo in luce a Brescia: ora il Torino, e Mazzarri, lo osservano con la Nigeria

L’impegno non sarà da sottovalutare, se non altro perché la posta in palio di Nigeria-Benin è un esordio tranquillo (e benaugurante) nelle qualificazioni alla prossima Coppa d’Africa. Il mercoledì di Ola Aina sarà, così, spinoso: ore 17, di nuovo in campo. Questa volta con la maglia delle Super Eagles e non con quella del Torino. L’ex Chelsea sarà il primo dei nove granata convocati a scendere in campo con la propria Nazionale e lo farà al “Godswill Akpabio International Stadium” di Uyo contro gli Scoiattoli del Benin.

Aina, a Brescia convince il Torino

Se l’obiettivo del gruppo del commissario tecnico Gernot Rohr sarà, come detto, partire con il piede giusto, quello di Aina sarà continuare la corsa. Fuor di metafora: confermare le buone impressioni destate a Brescia, dove il nigeriano ha finalmente convinto dopo un avvio di campionato con pochi squilli e tanti rimproveri (di Mazzarri e dei tifosi).

Mazzarri lo osserva con la Nigeria

La curva qualitativa delle sue prestazioni aveva iniziato a crescere già nel derby contro la Juventus, a dire il vero. Lì, però, aveva lasciato ancora la sensazione che sì, da lui ci si poteva attendere qualcosa di più. Quel guizzo che al “Rigamonti” si è visto in più di una circostanza. E che ora anche la Nigeria ha voglia di riscoprire. Il Toro lo attende: Ola, con la Nigeria, non deve fermare il suo momento positivo.