I nazionali: Parigini a un passo dal gol, Lukic in panchina

di Francesco Vittonetto - 26 Marzo 2019

L’Italia Under 21 si fa rimontare due gol dalla Croazia, ma Parigini è tra i migliori e sfiora la rete. Per Lukic neanche un minuto in Portogallo-Serbia

Si ferma sui guantoni di Grbic l’urlo di Parigini. La sua Italia Under 21 coglie un altro pareggio dopo quello contro l’Austria e si fa rimontare di due reti dai pari età della Croazia. L’attaccante del Torino, nel giorno del suo ventitreesimo compleanno, sfiora soltanto un gol che avrebbe cambiato la storia del match e offre una prova vivace. Ma riavvolgiamo il nastro. Gli azzurrini dominano nel primo tempo. Il vantaggio arriva con un perentorio colpo di testa di Bastoni, il raddoppio con un destro di Locatelli propiziato da un’iniziativa proprio del granata: controllo in area, palleggio e tentativo di servire il centrocampista del Sassuolo; alla fine l’assist è di un difensore croato che tentava di allontanare il pericolo, ma la sostanza non cambia.

Lukic, 90′ di panchina in Portogallo-Serbia 1-1

Nella ripresa, gli ospiti prendono coraggio dopo il gol di Halilovic e Parigini sbatte contro il muro Grbic: il portierone croato vola sulla sua conclusione potente e precisa dai diciassette metri. Un miracolo in piena regola che evita il 3-1. A tre quarti di gara, l’ex Benevento lascia il posto a Moncini. E poco dopo arriva il definitivo 2-2 firmato Kalaica.

Neanche un minuto in campo, invece, per Sasa Lukic. Il centrocampista classe ’96 resta in panchina per novanta minuti nella sfida tra Portogallo e Serbia a Lisbona, terminata 1-1 e contraddistinta dall’infortunio muscolare di Ronaldo alla mezz’ora.

X