In vista del match di domenica contro il Parma sulla fascia sinistra si contendono il posto Vojvoda e Rodriguez

Quello di domenica pomeriggio al Tardini di Parma sarà un match cruciale per il Toro. Soprattutto per Giampaolo che, in caso di un risultato negativo, potrebbe venire addirittura esonerato. Il tecnico abruzzese, se anche contro la squadra gialloblù opterà per il 3-5-2, nel reparto difensivo dovrebbe schierare in campo Lyanco con Izzo e Bremer, mentre sulle fasce a destra si dovrebbe rivedere Singo, che sta facendo molto bene. Invece a sinistra potrebbe nascere un ballottaggio tra Vojvoda e Rodriguez, entrambi arrivati a Torino quest’estate ed entrambi acquistati per trovare posto tra i titolari. Anche se fino ad ora nessuno dei due è riuscito a mettersi particolarmente in mostra.

Vojvoda esterno a tutta fascia

Vojvoda in questa prima parentesi in granata ha dovuto fare i conti con l’esplosione di Singo e con la positività al Covid-19, due fattori che hanno influenzato sicuramente il suo rendimento al Toro. Proprio come conseguenza alle ottime prestazione raccolte fin qui da Singo, il difensore kossovaro si è dovuto adattare a un nuovo impiego, ovvero quello sulla fascia sinistra invece che su quella destra dove è abituato a giocare. In più, a differenza del compagno di squadra Rodriguez, Vojvoda è un elemento abile a ricoprire tutta la fascia.

Rodriguez più terzino che esterno

Rodriguez non è proprio un esterno offensivo e le sue prestazioni migliori con la maglia granata si sono viste quando il difensore svizzero è stato impiegato come “braccetto” a sinistra, ruolo che è abituato a ricoprire anche in Nazionale. Sicuramente entrambi hanno voglia di giocare e lotteranno per un posto tra gli 11 titolari nel match contro il Parma. Match che i granata non potranno sbagliare perché lo spettro della serie B fa sempre più paura.

Ricardo Rodriguez
Ricardo Rodriguez
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-12-2020


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ultrà
Ultrà
1 anno fa

brividi…da paura…

Meité, la permanenza non è scontata: riflessioni in corso

Lyanco e Bremer, il cuore tra Torino e il Brasile: i progetti dei granata per i più poveri