Le prime parole di Pietro Pellegri da calciatore granata: “Con Juric ho un bel rapporto e anche tanti bei ricordi”

“Mi sono trovato come a casa, ho trovato mio papà ad accogliermi (Marco, team manager del Torino, ndr) e quindi è stato un inizio diverso rispetto ad altre avventure. Anche al Genoa era team manager, non sarà un rapporto papà-figlio, ma professionale. Con il mister ho tanti bei ricordi, per esempio l’esordio”. Queste le prime parole di Pietro Pellegri, nuovo calciatore del Torino. A proposito di ricordi: Pellegri ha esordito in A giovanissimo proprio contro il Toro (aveva 15 anni e 280 giorni), a Torino, sostituendo Rincon che allora giocava nel Genoa: “Peccato non aver ritrovato Tomas. Ritrovo nello stadio in cui ho fatto il mio primo passo in Serie A”. Spazio anche alla vita privata, perché la compagna di Pietro è Victorija Mihajlovic: “Sì, e a breve mi raggiungerà”, ha spiegato l’attaccante granata. Sulla Nazionale e sul rapporto con Belotti: “Ho esordito con l’Estonia e ho avuto anche l’opportunità di conoscere un grande campione come il Gallo”.

Pellegri, i record e gli idoli

Di record ne ha collezionati tanti Pellegri, legati alla sua giovane età, ma nessuno di questi gli ha creato pressione. “Ho sempre vissuto bene questi record. So di dover lavorare e di dover fare sacrifici. Il mio idolo? Uno era Ronaldo il Fenomeno anche se ero piccolino quando giocava, l’altro Ibrahimovic, che ho avuto come compagno”.

Pietro Pellegri, Milan
Pietro Pellegri, Milan
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-01-2022


18 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
granatadellabassa
granatadellabassa
3 mesi fa

Il fatto che trovi il padre in veste di team manager dovrebbe dargli stimoli extra. Non vorrà certo fargli fare figure di m…..
Anche se qui le incognite sono fisiche. L’ex allenatore ha detto che a Genova lo hanno rovinato. Sarà recuperabile?

Valentino
Valentino
3 mesi fa

Se ha Sinisa come suocero non può che essere un bravo ragazzo altrimenti era già sotto terra.

glicine
glicine
3 mesi fa

Vorrei aprire una parentesi verso un certo GD. , vorrei sapere cosa avrei postato di ignobile e a chi dovrei chiedere scusa , tanto per sapere . Grazie.

T9
T9
3 mesi fa
Reply to  glicine

Lascialo perdere, è un servo di Cairo, un (im)piegato dei poteri forti. Che poi, da quando si è fidanzato con , sono talmente cul@ e cul@ che non si può neanche più dire che Belotti è un mercenario ingrato.

glicine
glicine
3 mesi fa
Reply to  T9

L’esempio è Vlahovic che tra l’altro non è mai salito a Superga .

thethaiman
thethaiman
3 mesi fa
Reply to  glicine

Che esempio sarebbe Vlahovic? Se il gallo l’avessero ceduto quando era il tempo di farlo mica sarebbe andato a scadenza. Così come se ora Commisso avesse mantenuto le promesse Vlahovic sarebbe ancora viola. D’altronde Commisso tra Chiesa, Veretout e Vlahovic ne ha sbolognati di giocatori che si è trovato dalla… Leggi il resto »

glicine
glicine
3 mesi fa
Reply to  thethaiman

Se vendevamo Belotti 4 anni fa per me andava bene ma ci sarebbe stato malcontento della maggioranza, io penso che se avrebbero trovato l’accordo per prolungare Con clausola sarebbe stato un segnale di correttezza anche verso noi tifosi.

odix77
odix77
3 mesi fa
Reply to  T9

ah ah ah ah ah ah ah ah , vero belotti non si può toccare perchè si trasforma in “simone”….

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
3 mesi fa
Reply to  odix77

frasi del caxxo, o meglio alla gobbo-glicine : “mercenario ingrato re dei pollai.” mi stanno appunto sul ca. E visto quello che gli hanno scritto anche altri, è opinione diffusa Perchè penso non se lo meriti Uno è libero di scriverlo. Ma poi si becca quel che deve beccarsi (su… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
3 mesi fa
Reply to  T9

T9, c’eravamo tanto amati !!!!

Tra l’altro hai la mia stessa qualifica come (di)pendente di cairo, solo che tu sei più ruffiano! 🙂

Infine, al massimo potresti dire cche sono cul@ e cul@ con Belotti.
Non con altri. semper fidelis

Nazionali, Juric perde solo Sanabria: gli impegni in programma

Pellegri sceglie la maglia numero 64: ecco perché