Ecco cosa ha funzionato e cosa no in Roma-Torino 3-2 di sabato pomeriggio all’Olimpico: i top e i flop della prima partita del girone di ritorno

Il 2019 del Torino non è certo iniziato nel migliore dei modi: dopo la sconfitta in Coppa Italia contro la Fiorentina per la squadra di Walter Mazzarri è arrivato un altro ko, questa volta in campionato, nella prima giornata del girone di ritorno. All’Olimpico la Roma di Eusebio Di Francesco ha battuto per 3-2 un Torino in emergenza per via delle squalifiche e degli infortuni: ecco cosa ha funzionato e cosa no sabato pomeriggio nei Top e Flop di Roma-Torino.

Roma-Torino 3-2: i Top della partita

La reazione nel secondo tempo. Il pregio principale di questo Torino è certamente la voglia di lottare sempre fino alla fine, senza arrendersi mai. I gol di Zaniolo e Kolarov nel primo tempo avrebbero potuto spezzare le gambe a molte squadre, non a quella di Walter Mazzarri che, come già successo a Milano contro l’Inter, nella ripresa riesce a reagire a un brutto primo tempo e a portarsi sul 2-2 contro una squadra tecnicamente più forte. Peccato che non sia bastato.

Ansaldi centrocampista. Senza Meité, Baselli e Lukic (quest’ultimo era sì in panchina ma non al meglio della condizione), Water Mazzarri, come già fatto in alcune partite dello scorso campionato, ha adattato con successo Cristian Ansaldi al ruolo di centrocampista centrale. L’argentino ha disputato un’ottima partita, risultando il migliore tra i granata.

Roma-Torino 3-2: i Flop della partita

Gli errori difensivi. In questa stagione il Torino ha finora fatto della solidità difensiva il suo principale punto di forza. Contro la Roma invece la fase difensiva non ha per nulla funzionato: basti pensare al primo gol giallorosso, con Zaniolo che da terra, in mezzo a un gruppo di calciatori granata, riesce a arpionare un pallone e a tirare senza venire contrastato, o al terzo preso con la difesa schierata.

Gli errori offensivi. Agli errori difensivi all’Olimpico si sono sommati anche quelli offensivi: troppe le reti sbagliate dagli attaccanti granata: prima Falque, a tu per tu con Olsen, non è riuscito a realizzare un gol più facile da fare che da sbagliare, poi Belotti nel finale non ha sfruttato un’ottima occasione per realizzare la rete del 3-3.

Il rigore non fischiato su Belotti. Pochi minuti dopo la rete di Stephan El Shaarawy del 3-2, Andrea Belotti è stato steso in area da un intervento del portiere giallorosso Robin Olsen. Giacomelli non giudica falloso il tackle dell’estremo difensore ma, quantomeno, Irrati avrebbe potuto invitarlo a rivedere l’episodio al Var.


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ). (@alberto-fava)
2 anni fa

Ma quale Top, ma che Flop?
Uno skifo totale, gioco in primis.
Ma poi se ci riflettiamo bene anche questo non è vero; noi siamo questi , diamo quello che possiamo.
E quanto vîsto finora è esattamente quello: ciò che possiamo.

Fabio75
Fabio75 (@fabio75)
2 anni fa

TOP Cairo…. raggiunto finalmente il 1° posto della parte destra della classifica. Abbandonato l’ultimo posto della parte sinistra… volete mettere la soddisfazione!! Petrachi…. vedere sopra…. Mazzarri…. squadra che realizza alla grande il suo modulo iperoffensivo “5 4,5 0,5” (Bel gioca mediano e Otti attaccante) e raggiunge il vertice della classifica… Leggi il resto »

futre
futre (@futre)
2 anni fa

Domenica c è I cardi che deve risorgere. Quale migliore occasione che la sfida con noi?

rotor
rotor (@rotor)
2 anni fa
Reply to  futre

Con noi risorgono tutti,siamo come un farmaco salvavita…

Ansaldi, la nota lieta del Torino: gol e qualità non fanno rimpiangere Baselli

Meggiorini: cori dei tifosi della Juve contro la mamma dell’attaccante morta due anni fa