Il tecnico spende belle parole per l’ex Spal. Vuole concedergli più minuti, ma il ritorno di Praet rischia per lui di essere una minaccia

Seck? In questi mesi ho visto passi in avanti, voglio dargli più spazio. E’ un ragazzo giovane che anche alla Spal non era titolare fisso, ma l’ho visto crescere” – parole rilasciate da Ivan Juric durante la conferenza stampa alla vigilia del match di domani ore 15 con lo Spezia. Il tecnico croato continua ad elogiare il centrocampista classe 2001, approdato in granata nella scorsa sessione di mercato invernale, sottolineando i miglioramenti che di giorno in giorno segnano quello che è l’inserimento nel gruppo squadra.

Seck, soltanto 11 minuti da quando è a Torino

In questo breve scorcio di esperienza in granata, di Seck poche tracce. Soltanto 11 minuti in campo, divisi tra i 5 col Cagliari e i 6 nella gara con il Milan. Decisamente troppo poco per giudicare le qualità di un ragazzo sempre più relegato alla panchina, nonostante in quei pochi giri di lancette a lui concessi nella sfida con i rossoneri si sia fatto apprezzare per intensità e progressione. Il finale di stagione che il Toro affronta senza alcun obiettivo di classifica potrebbe concedergli qualche passerella, soprattutto in vista della prossima stagione.

Seck è infatti certo di rimanere, al contrario di Dennis Praet, il cui riscatto dipenderà molto dalle sensazioni del finale di stagione. Di certo, il ritorno in tempi record del belga dall’infortunio (frattura del quinto metatarso del piede destro) non lo favorisce. Praet è avanti nelle gerarchie di Juric e lui stesso dovrà sfruttare queste ultime sei uscite di campionato per guadagnarsi un riscatto in bilico sia per le richieste alte del Leicester che per quanto riguarda la tenuta fisica.

Demba Seck
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-04-2022


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
panchieri gianni
panchieri gianni
1 mese fa

Nei pochi minuti che ha giocato,mi ha dato la sensazione di uno che la palla la sa giocare,più che bene.A me ha fatto una bella impressione,però dato che l’ha voluto Rovagnati parte ad handicap.

Jones
Jones
1 mese fa

come già scritto e detto anche da Juric,ha cominciato a giocare a calcio serimente molto tardi,mi pare a 17 anni,è praticamente ancora tutto da costruire come giocatore,poi quale sarà il suo livello boh

Troposfera Granata
Troposfera Granata
1 mese fa

Meglio i problemi di abbondanza

Il Toro Primavera ospita l’Inter, tra sogni infranti e ansia playout

Spezia, per il Toro è una bestia nera: mai una vittoria e un solo gol (di Belotti)