Gli ex di Chievo-Torino / Obi ritrova i granata dopo la cessione in estate. Meggiorini, Rossettini e Birsa gli altri clivensi con un passato al Toro

Tanti, gli amici da salutare e con i quali scambiare qualche battuta. Perché il passato torna davvero presto a far visita a Joel Obi. Il nigeriano, che il Torino lo ha lasciato poco più di un mese fa, si ritroverà domenica a fare gli onori di casa a Verona, dove con la maglia del Chievo sta tentando di costruirsi il futuro. Un avvio di campionato non facile per lui, ma che gli ha consegnato una discreta continuità: D’Anna, infatti, lo ha schierato dal primo minuto in quattro delle sei gare disputate finora e solo nell’ultima sfida, contro il Genoa al “Ferraris”, non lo ha mandato in campo.

Chievo-Torino, gli ex: Sorrentino, “Al Toro devo tutto”

Obi è l’ex recente. Ma in campo, al “Bentegodi”, ci sarà anche Stefano Sorrentino. Uno che, per usare le sue stesse parole, il granata ce l’ha cucito addosso. “Al Toro devo tutto”, aveva dichiarato dopo Chievo-Torino dell’aprile scorso, “Se oggi gioco in Serie A lo devo al Torino”. 101, le presenze accumulate dal portiere di Cava de’ Tirreni sotto la Mole tra massima serie, cadetteria e Coppa Italia. Poi, nella tumultuosa estate del fallimento, l’addio. Una separazione che non gli ha tolto l’affetto del popolo granata, mai avaro di applausi quando si è presentato da avversario di fronte alla Maratona.

Chievo-Torino, c’è Pellissier: cresciuto al Toro

Una storia d’amore e rispetto, quella di Sorrentino con il Torino. Nulla a che vedere con le parentesi, più o meno sfortunate, degli altri clivensi con un passato granata. C’è Rossettini, procedendo in ordine cronologico. Per il difensore una sola stagione al Toro (quella 2016/2017), sotto l’egida di Mihajlovic: 30 apparizioni e una rete, contro il Napoli al San Paolo. Poi ecco Birsa e Meggiorini. Lo sloveno conta appena 17 presenze, collezionate nella prima stagione del Toro di Ventura in Serie A, mentre per l’attaccante sono 85 i gettoni con i granata – in tre anni -, corredati da 7 reti. Cenno finale per Sergio Pellissier, cresciuto proprio nelle giovanili del Torino ma sbocciato su altri lidi, tra Varese, Spal e proprio il Chievo, dove è diventato il miglior marcatore del club in Serie A.


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio - (Ta)Vecchio Cuore Granata (ex rifiuto)
Fabio - (Ta)Vecchio Cuore Granata (ex rifiuto)
2 anni fa

Grave errore lasciarlo partire a prezzo di saldo, oggi come oggi sarebbe ancora titolare fisso, infortuni permettendo; sicuramente garantirebbe un rendimento più costante di quello offerto da Baselli (scandalosamente inconsistente) e Rincon (che comunque apprezzo per grinta e impegno).

ExIgneFaxArdetNova
ExIgneFaxArdetNova
2 anni fa

Quanto mi piacerebbe averlo Sorrentino come secondo in porta…

Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
2 anni fa

Atleta sfortunato, un vero peccato. Comunque, per me, è un giocatore da applaudire quando si incontra da avversario.

Roberto (RDS 63)
Roberto (RDS 63)
2 anni fa

Qui applaudono Rampanti…

Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
2 anni fa

Fedelino Rampanti.

Zaza a caccia di una maglia da titolare: ma il recupero di Falque…

Falque, risorsa Toro: Mazzarri ritrova fantasia in attacco