Toro, la storia si ripete e le vittorie restano zero: i Top e i Flop - Toro.it

Toro, la storia si ripete e le vittorie restano zero: i Top e i Flop

di Veronica Guariso - 2 Novembre 2020

I Top e Flop di Torino-Lazio / Gli sforzi di Bremer, Belotti e Lukic rovinati nei minuti finali da un offuscamento mentale

Stessa storia, stesso posto, stesso epilogo. Cresce la prestazione ma non il numero di vittorie per il Torino, che anche contro la Lazio si è lasciato beffare clamorosamente nei minuti finali. Gettata al vento un’altra possibilà, che potrebbe costare cara in futuro. Aiutati dalla sfortuna, i granata non sono stati in grado di mantenere il vantaggio conquistato dopo un’apparente reazione, che si è poi trasformata in una vera e propria condanna. La cosiddetta “melma nella testa” aumenta la densità partita dopo partita ed il prezzo da pagare sta diventando piuttosto salato.

Torino-Lazio 3-4: i top

La continuità di Belotti. Anche contro i biancocelesti è la cresta del Gallo a spiccare tra le teste. Colonna portante del club, è riuscito a trovare il gol ancora una volta, portandosi a quota 6 reti ed eguagliando così il record di marcature per un giocatore del Toro nelle prime cinque giornate, detenuto da Combin, Mazzola e Rossetti. Secondo nella classifica marcatori di Serie A, il capitano granata si sta superando nel tentativo di arginare un fin troppo disastroso Torino. Sembra però che lotti contro i mulini a vento…

L’esplosione di Lukic. Il centrocampista serbo ha mostrato una crescita esponenziale nelle ultime partite. La scelta di utilizzarlo come trequartista sta dando i suoi frutti, unita all’intesa creatasi con i compagni. Anche contro la Lazio, Lukic si è infatti trasformato in un marcatore aggiunto siglando il gol del sorpasso granata all’87, poi vanificato dalle due reti successive. Resta comunque il miglior inizio stagione per lui, già a quota 2 gol e 1 assist, preziosi per il Torino.

Torino-Lazio 3-4: i flop

La controrimonta. Nessun alibi per il finale di Torino-Lazio. Ancora una volta, le disattenzioni arrivate dopo il vantaggio sono costate carissime, facendo poi infuriare Giampaolo nel post partita. É infatti la quarta partita su cinque disputate che vede il Torino subire una rimonta da parte degli avversari. L’epilogo infelice raccolto è sinonimo di altri punti seminati per strada che potrebbero essere pagati poi più in là, come già accaduto in passato. I fantasmi del passato vanno scacciati assieme alla paura di perdere, perchè poi arrivano le conseguenze, che difficilmente saranno positive.

Sirigu nuovamente in errore. Una delle poche certezze di questo Toro era senza dubbio Salvatore Sirigu, pilastro della formazione granata ed eroico nelle prestazioni. Ultimamente però anche quest’ultima è stata spazzata via dal baratro: anche l’estremo difensore sardo è infatti calato drasticamente nel rendimento, subendo 15 reti in 5 sfide ma soprattutto commettendo errori che da uno come lui non ci si aspetta di vedere. I gol subiti per colpa sua si potevano contare sulle dita di una mano, ma ora è arrivato il terzo in tre partite. Assieme alla cura per il coronavirus va trovata anche quella per ciò che sta affliggendo Sirigu.

Ancora nessuna vittoria. Resta fermo a zero il bilancio delle vittorie del Torino per la stagione 2020-2021, che rendono questo il peggior inizio di stagione di sempre. 1 punto in 5 partite è infatti meno del minimo, tenendo conto dell’andamento delle partite disputate dai granata. Giampaolo vuole tempo e pazienza, venuta meno nel postpartita di ieri. La classifica comincia però a pesare e dopo il passaggio del turno in Coppa Italia, serve una nota lieta anche per quanto riguarda la Serie A. Crotone e Genoa diventano le ultime chance per provare a cambiare le sorti del club.

Sergej Milinkovic-Savic of SS Lazio celebrates after scoring a goal during the Serie A football match between Torino FC and SS Lazio.

3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Peterpann
Peterpann
29 giorni fa

Fuori tutti i mestieranti/scontenti/demotivati/senza palle (Nkulo, Zazza, Meitè, Izzo, Verdi, Sirigu). Solo così riusciremo a vedere un pò di luce in fondo al tunnel.

Mondo
Mondo
28 giorni fa
Reply to  Peterpann

Ma a Rodriguez lo vogliamo lasciare?

rotor
rotor
29 giorni fa

Top Bremer su tutti,poi Lukic. Flop Sirigu demotivato, Rodriguez lento come una lumaca,giocatore inutile,Verdi privo di sangue nelle vene,N’Kolou indegno e remante contro,Rincon re dei falli stupidi,dal suo fallo e’ nata la punizione da cui e’ scaturito un goal laziale.