Top e Flop di Woloverhampton-Torino 2-1 cosa ha funzionato e cosa no

I Top e Flop di Wolverhampton-Torino: Belotti ci prova, crolla la difesa

di Giulia Abbate - 30 Agosto 2019

I Top e Flop di Wolverhampton-Torino / In Inghilterra il Toro non riesce a compiere il miracolo: male la difesa, in attacco bene Belotti ma preoccupa Zaza

Belotti e poco, pochissimo altro: questo si salva di Wolverhampton-Torino. La grinta del Gallo, il suo gol che illude un’intera piazza e la volontà di mettercela tutta, di provarci fino all’ultimo, di una squadra che ha fatto tutto o quasi quello che ha potuto. Lottando contro un avversario oggettivamente più forte ma anche, e forse soprattutto, contro i propri limiti tecnici e fisici. Ci ha provato il Toro di Mazzarri ma l’impresa non è riuscita, la rimonta più volte agguantata in passato questa volta è sfumata sotto gli occhi dei tanti tifosi volati in Inghilterra. E, come all’andata, è il solo Belotti a tenere vive le speranze di un possibile miracolo. Male, invece, la difesa inedita con Bremer nei panni del vice-Nkoulou. Ecco dunque i Top e Flop di Wolverhampton-Torino.

Wolverhampton-Torino 2-1, i Top

L’atteggiamento. 20 minuti di cuore Toro a inizio partita, 10 minuti di cuore puro sul finale. Il Toro ci ha davvero provato contro i Lupi, ha messo in campo tutto: grinta, cattiveria, sudore, testa e anima ma non è bastato. La rimonta non è arrivata, il miracolo non è stato compiuto ma, al netto dei tanti errori commessi, i granata di Mazzarri ne escono a testa alta, consapevoli di aver fatto tutto quello che era in loro potere.

Il gol di Belotti. 13′ del secondo tempo: punizione di Baselli deviazione di testa del Gallo e gol. Un gol che fa esplodere il mondo granata, dai giocatori in campo a quelli in panchina, dai tifosi sugli spalti inglesi a quelli seduti davanti alle televisioni. Un gol che riapre i giochi, che fa sperare in una possibile impresa, in un “Bilbao-bis”. Un gol che illude, che dura appena un giro di lancette prima di essere vanificato, un minuto dopo, dal secondo centro dei Lupi.

I tifosi. A Wolverhampton la squadra non era da sola. In tanti, tantissimi, hanno infatti deciso di volare in Inghilterra per seguire Belotti e compagni nonostante i pronostici funesti e le pochissime possibilità di raddrizzare il risultato dell’andata. Poco importa: i tifosi ci sono sempre stati e anche questa volta non è stato diverso. Il Toro ha perso, è vero, i suoi tifosi no.

Wolverhampton-Torino 2-1, i Flop

La difesa. Non brilla, esattamente come nella gara del Grande Torino, la difesa granata. Si salvano, in parte, Izzo e Bonifazi ma non Bremer. Sostituire Nkoulou, ancora nell’occhio del ciclone, è un’impresa che risulta titanica. E non si può nemmeno fargliene una colpa: gettato in pasto ai leoni, o meglio ai Lupi, dopo un anno di panchina il centrale granata sta facendo il possibile per dare il suo contributo. Il delitto, semmai, è stato quello di smontare un reparto che la scorsa stagione ha rappresentato il primo e vero punto di forza della squadra di Mazzarri.

Calciomercato? Che non si dica che questo Toro è forte così com’è. Certo, la squadra è solida, ben costruita e lo scorso anno, ormai è quasi un mantra, ha disputato un campionato più che soddisfacente soprattutto nel girone di ritorno. Ma per il salto di qualità, se davvero lo si vuole fare, serve ben altro e l’Europa, con l’epilogo di ieri sera, lo ha dimostrato nel modo più netto e crudele possibile. Buttando fuori i granata prima ancora di farli entrare. No, il Toro non è forte così com’è e non averlo ammesso per tempo, agendo di conseguenza, alla fine è stato fatale.

L’infortunio a Zaza. I granata escono dell’Europa ma qualcuno ne esce più malconcio di altri. Dopo l’infortunio di Ansaldi nella sfida contro il Sassuolo, questa volta è Zaza ad abbandonare il campo anzitempo. L’azione che avrebbe potuto portare al secondo gol del Toro e, quindi, alla riapertura dei giochi gli è stata fatale e adesso il Torino deve fare i conti con l’assenza di uno dei migliori di questo inizio stagione. Una sfortuna per il giocatore che aveva imboccato la strada migliore per riscattare la scorsa pessima stagione. Si spera, almeno, non sia grave.

più nuovi più vecchi
Notificami
AT72
Utente
AT72

Bremer in una squadra ambiziosa puó fare il 3 rincalzo

AT72
Utente
AT72

Io mi chiedo come caxxo si fa a far giocare Basella e lasciare in panca Meité? Ma ho notato sotanto io che lo scorso anno abbiamo iniziato ad ingranare quando la ballerina era infortunata o in panca?

Cup
Utente
Cup

FLOP MAX: NON AVERE RINFORZATO LA SQUADRA CON QUEI 2-3 GIOCATORI CHE ORA CI AVREBBERO PERMESSO DI CONTINUARE LA CORSA IN EL E DI FARE UN CAMPIONATO PUNTANDO AL 6° POSTO, OLTRE A QUALCHE VELLEITA’ IN PIU’ IN COPPA ITALIA. IL RESTO E’ FUFFA…