Dopo il 14-0 sulla Bormiese, il Torino di Mazzarri è in campo per l’allenamento mattutino in Valtellina. Sugli spalti trecento tifosi

nostro inviato a Bormio – Dopo il primo test amichevole che ha ufficialmente aperto la stagione del Torino, la squadra di Mazzarri reduce dal 14-0 alla Bormiese è tornata in campo per la seduta mattutina. L’allenamento ha preso il via intorno alle 10, seguito da 300 tifosi che occupano la tribuna coperta. Dopo il consueto riscaldamento, la squadra si è divisa in gruppi. Ancora a parte Zaccagno mentre i tre portieri si allenano con Di Sarno. Gli altri quattro gruppetti lavorano sulla parte atletica. Due dei gruppi lavorano anche col pallone: dopo i primi 40′ la squadra si riunisce al centro del campo dove Mazzarri spiega quale sarà il lavoro successivo.

Torino a Bormio: l’allenamento di domenica 15 luglio

La squadra torna ora a dividersi in gruppi, ciascuno seguito da un collaboratore di Mazzarri. Per due di essi esercizi col pallone, mentre un terzo della squadra lavora sui movimenti con Mazzarri. Nel frattempo Edera e Boyè corrono intorno al campo, continuando con il lavoro personalizzato.
La squadra si riunisce nella stessa metà campo: partitella senza portieri (i tre, ad eccezione di Zaccagno, lavorano ancora col preparatore) per il gruppo, con i giocatori che possono segnare solo di testa nella porta più grande, anche di piede nelle due più piccole. Terminata la partitella esercizi di stretching per la squadra granata, mentre continua il lavoro dei portieri con Di Sarno. Intorno alle 11.20 la squadra rientra negli spogliatoi mentre i tifosi sugli spalti si spostano nel consueto spazio riservato all’incontro con i giocatori per foto e autografi. Nel pomeriggio la squadra avrà mezza giornata libera.


La presentazione del Torino 2018/2019: il VIDEO

Il primo esame del Toro: promosso Lukic, Meité rimandato