Toro, i giocatori sempre titolari nelle ultime 6 partite di campionato

Toro, gli intoccabili di Longo: in cinque hanno giocato tutte e 6 le partite

di Giulia Abbate - 10 Luglio 2020

Cinque granata titolari in tutte le ultime 6 sfide post lockdown: Moreno Longo ha trovato l’ossatura centrale del suo Torino

Sirigu, Bremer, De Silvestri, Meité, Belotti: cinque nomi che nelle ultime 6 partite di campionato (quelle posto lockdown) si sono sentiti nominare spesso, anzi sempre, nelle formazioni del Toro mandate in campo da Moreno Longo. Cinque nomi che, dalla difesa all’attacco, sembrano uniti da una linea retta che trova ai suoi apici Sirigu da un lato e Belotti dall’altro: la vera spina dorsale di un Torino in piena lotta salvezza. Di cambiamenti, Longo, nelle sue formazioni ne ha fatti molti: Izzo e Nkoulou si sono alternati con Lyanco, Rincon con Lukic, Zaza e Berenguer hanno visto il campo a fasi alterne e lo stesso Verdi, nonostante si sia dimostrato in nettissima crescita, non ha trovato la giusta continuità. Scelte tattiche, certamente, e a volte dettate dalla necessità (si legga la squalifica di Izzo o la parziale indisponibilità di Ansaldi). Tuttavia, è evidente che tra i granata il tecnico abbia di fatto eletto quelli che per lui sono intoccabili. Una sorta di 5 condottieri attorno ai quali far ruotare tutta la formazione.

Sirigu, Bremer De Silvestri, la difesa è in mano loro

Partendo dalla difesa, è fuori discussione la titolarità di Sirigu. Una scelta che, in realtà, non è nemmeno definibile come tale: Salvatore è una certezza e se in Italia di concorrenza ne ha poca, al Toro non ne ha proprio. La maglia da titolare è la semplice conseguenza di quanto dimostrato dal suo arrivo in granata e pensare ad un’alternativa sarebbe semplicemente assurdo.

Di concorrenza, invece, ne hanno sia Bremer che De Silvestri che, tuttavia, hanno saputo convincere a pieno Longo tanto da diventare assolutamente insostituibili. Il primo ha saputo cancellare gli alti e bassi di inizio stagione, prendere la fiducia accordatagli da Longo e trasformarla in prestazioni di livello. Certo, le sbavature non mancano ma ormai Bremer è una costante della retroguardia granata. Come, sugli esterni, lo è diventato anche De Silvestri. Risultato un po’ affaticato e sulle gambe nelle ultime uscite, “Lollo” ha convinto meno dei compagni ma resta un punto di riferimento indiscutibile. E in ballo, per lui, continua ad esserci anche il discorso sul rinnovo di contratto.

Lorenzo De Silvestri of Torino FC in action during the Serie A football match between Torino FC and SS Lazio.

Meité in crescita, Belotti è di nuovo infallibile

Se c’è un giocatore del Toro che ha tratto il massimo beneficio dai mesi di stop forzato è senza dubbio Meité. Il centrocampista sembra un giocatore del tutto nuovo. Non più quello che faceva capolino in una partita, illudendo tutti di una possibile svolta, per poi sparire nuovamente nelle sfide successive. Un giocatore che ha finalmente trovato continuità di rendimento sia fisico che tecnico tanto che Longo ha costruito proprio attorno a lui la sua mediana.

Di Belotti, invece, sembra quasi inutile continuare a impiegare parole. E’ lui il fulcro dell’attacco granata. Lo è sempre stato ma mai come in questo periodo ha saputo trascinare la squadra. 5 gol in 5 partite: uno score che in stagione non si era mai visto e che, nonostante non sia bastato a portare più di 6 punti nelle tasche granata, rappresenta senza dubbio un ancora a cui aggrapparsi in ottica salvezza. E se con Verdi e Zaza dovesse continuare l’intesa vista contro il Brescia, allora sì che i discorsi potrebbero ulteriormente cambiare.

3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
T
T
25 giorni fa

“Facciamo come l’Atalanta l’anno scorso” [cit.]

mas63simo
mas63simo
25 giorni fa

Se si avesse un obbiettivo come EL De Silvestri … giusto il panchinaro può fare …come anche Bremer e Djj Djj altro spreco di denaro. Certo se invece l obbiettivo diventa la salvezza allora potrebbero diventare titolari .

Ultrà
Ultrà
25 giorni fa

OT…Agnelli…”…è giusto?”