Il Torino di Juric ha migliorato esponenzialmente il rendimento difensivo: il confronto con la stagione 2020/2021

Il Toro, che perde il pelo ma non il vizio, ha alzato la famosa asticella dopo due anni di agonia. La costante dei problemi nei finali di partita che hanno già caratterizzato la scorsa stagione, ha minato solo in parte il rendimento del club, in particolare per quanto riguarda la difesa. Non è infatti più questo il settore meno proficuo del club granata. Con Juric, il Toro è riuscito finalmente a ritrovare quella solidità mancante da troppo tempo. Sia i singoli che l’intero reparto hanno giovato del cambio di guardia in panchina ed i numeri lo dimostrano ampiamente. La differenza reti è infatti passata all’attivo (+4 alla tredicesima giornata), cosa pittosto impensabile durante la scorsa stagione.

Toro, nel 2020-21 più concretezza offensiva ma quanti errori in difesa

Nel 2020-2021 infatti, il Toro di Giampaolo si è reso maggiormente proficuo sul fronte offensivo, con ventuno gol realizzati a parità di partite giocate, contro i diciassette di quest’anno. Non è però bastato a colmare il divario creato dalla superiorità avversaria, spesso generata da errori individuali: la differenza reti era infatti di -10, con ben trentuno reti subite. La maggioranza è arrivata in rimonta, cosa accaduta anche quest’anno, ma i danni sono stati limitati dalle qualità che Juric è riuscito a far emergere dai suoi. Le ottime risposte avute dalla difesa hanno aiutato Milinkovic-Savic ad acquisire una maggiore sicurezza, assicurando così quattordici gol subiti in meno della stagione passata.

Toro, Bremer è la costante tra i difensori granata più offensivi

L’unico dato che invece coincide è quello che riguarda i gol dei difensori. Sia quest’anno che lo scorso, sono tre le reti realizzate da uno dei giocatori delle retrovie nei primi tredici match. Con Giampaolo ci hanno pensato Bremer, Ansaldi e Nkoulou a dire la loro anche dal punto di vista offensivo. Il brasiliano è rimasto la costante invariabile tra i granata, andando a segno altre due volte in questa prima parte della nuova stagione. C’è poi stata una new entry: Singo, in rete per la prima volta contro la Sampdoria. I gol ed i miglioramenti generali hanno portato punti preziosi nelle tasche del Toro, a +10 rispetto allo scorso anno, e la posizione in classifica fa sperare in un epilogo diverso.

Vanja Milinkovic-Savic
Vanja Milinkovic-Savic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-11-2021


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
giogranata
giogranata (@giogranata)
9 giorni fa

Devo ammettere che, dopo il mercato estivo, non avrei pensato potesse migliorare, così vistosamente, il prospetto difensivo. Milinkovic-Savic non credevo potesse essere all’altezza di Sirigu; Djidji mi lasciava assai perplesso; Zima era un perfetto sconosciuto; Izzo appare il lontano parente del difensore arcigno vistosi nelle prime 2 stagioni in maglia… Leggi il resto »

odix77
odix77 (@odix77)
9 giorni fa
Reply to  giogranata

senza infamia e senza lode.” io penso che dopo due anni di totale devastazione e “ricostruzione” si può anche ritenere quest’anno un ‘anno di parziale rilancio…non credo ripeto sempre considerando i due ultimi anni che sarebbe cmq un fallimento ma forse le basi per riprendersi a buoni livelli…

Il “soldato” Vojvoda convince a sinistra: e l’intervista tv ha conquistato i tifosi

Comitato Difesa del Toro: Patrignani nominato presidente