Torino, difesa da retrocessione: è la peggiore dell'era Cairo - Toro.it

Torino, difesa da retrocessione: è la peggiore dell’era Cairo

di Valentino Della Casa - 15 Maggio 2017

Il mercato sotto accusa: non sono arrivati rinforzi adeguati dopo Glik e Maksimovic, 61 gol subiti come nell’anno della retrocessione. Un monito per il futuro

61. Ecco il numero dei gol subiti dal Torino in questa stagione, quando mancano due partite al termine del campionato. Numeri che spaventano, molto. Attualmente, infatti, la difesa del Toro sarebbe la terzultima del campionato, terzultima come il piazzamento che conobbe, purtroppo, il Torino di De Biasi, Novellino e Camolese nella stagione 2008/2009. Allora fu retrocessione, e proprio con 61 reti subite. Quella di quest’anno, infatti, è la peggiore difesa che l’era Cairo abbia mai visto, un numero che viene occultato dal grande potenziale offensivo a disposizione di Sinisa Mihajlovic, che per tutta la stagione ha cercato, invano, di correggere quelle lacune che hanno pesantemente condizionato il percorso della squadra in campionato.

Molto è il rammarico, e riguarda soprattutto il mercato. Perché se la cessione di Glik era già preventivata, altrettanto non si poteva dire di quella di Maksimovic, che, però, non può costituire un alibi. Il Torino, giustamente, si è rivalso sul giocatore in sede legale, per il comportamento da lui avuto durante la scorsa estate. Ma il malcontento si fiuta, non capita da un giorno all’altro. E le alternative si devono già avere in canna, di valore, soprattutto a fronte di quanto guadagnato dalla cessione dei due giocatori: 30 milioni. Petrachi, colto alla sprovvista, non ha saputo trovare molto: Castan prima, Rossettini poi, con il difensore del Bologna che nei piani originari non era stato acquistato per fare il titolare, salvo poi cambiare i piani in corsa.

Rinforzi low cost e programmazione da rivedere hanno portato a questo risultato. Che è oggettivamente disastroso, soprattutto viste le premesse di inizio stagione, che parlavano di Europa. La peggiore difesa in assoluto con Cairo presidente (peggio anche di quando era in B), finora ex aequo con quella che retrocedette otto anni fa, ha tra l’altro ancora due partite da giocare. Certamente, Mihajlovic ha delle responsabilità, ma il suo gioco offensivo prevede anche questo tipo di rischi. E infatti, la squadra è a metà classifica. Per essere da Europa ci vorrà di più, molto di più. La programmazione, per esempio, che non può fermarsi al solo Lyanco.

66 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vetusurbs
vetusurbs
3 anni fa

Molinaro e Carlao RIDICOLI.. risultato scontato con um attacco veloce come quello del Napoli.. potevano farne 10 senza problemi.. hanno smesso perche Sarri lo ha detto esplicitamente

joy
joy
3 anni fa

Penso che tutti abbiano compreso i limiti della difesa del Toro. Il miglior interdittore ieri è stato Baselli e tutto è detto. I limiti della difesa sono i seguenti: – i centrali che abbiamo preso per fare i titolari (Castan, Rossettini) non sono all’altezza dei predecessori – sono più lenti… Leggi il resto »

giotappo1971
giotappo1971
3 anni fa

Il Napoli ha asfaltato in casa loro quasi tutti, squadre migliori di noi comprese, quindi non mi stupisco che abbia vinto, però la partita andava preparata meglio. I giocatori mettendoci più garra sennò con il Napoli passi il tempo a vedere loro che palleggiano e il mister usando il cervello… Leggi il resto »