Due partite senza subire gol: il rientro di Bremer a pieno regime ha dato compattezza al reparto dopo i disastri di Firenze

Due partite senza subire gol. La difesa del Torino, giustamente criticata contro Atalanta e Fiorentina, comincia finalmente ad avere tutta un’altra forma. Juric a Reggio Emilia ha mostrato sì quanto possa essere importante avere giocatori di qualità dal centrocampo in avanti senza rinunciare ad una solidità difensiva che è fondamentale per una squadra che vuole svoltare, come il Toro. Salernitana e Sassuolo: è cambiato uno degli interpreti, perché c’era Zima contro i campani ed è invece rientrato Djidji al Mapei Stadium, ma la sostanza non è cambiata. E se una settimana fa l’avversario poche volte si è affacciato dalle parti dell’area granata, contro il Sassuolo invece le punte neroverdi si sono trovate davanti un muro.

Il ritorno di Bremer

Negli ultimi 180 minuti ad essere tornato leader assoluto della difesa è stato Gleison Bremer: il brasiliano contro l’Atalanta era uscito anzitempo dal campo mentre era assente al Franchi, nella partita certamente peggiore a livello difensivo giocata dal Torino. Proprio il ritorno del suo centrale di difesa è coinciso con due partite in cui il pacchetto arretrato ha lavorato come il suo allenatore sperava. Juric ha dato fiducia a Rodriguez, anche contro un brutto cliente come Berardi, e ha fatto intendere che terrà sempre vivo il ballottaggio dello svizzero con Buongiorno e di Djidji con Zima, mentre al di là dell’infortunio Izzo sembra ad oggi fuori dai giochi.

Il segreto della difesa

Per un Torino che vuole lasciarsi alle spalle due anni non entusiasmanti e che in qualche caso avevano anche fatto registrare vere e proprie imbarcate (quella con l’Atalanta e lo scorso anno quella col Milan) sarà decisivo mantenere un equilibrio e blindare la difesa. Un altro merito di Juric, una volta chiuso il mercato, quello di aver cominciato a dare un’identità ad una difesa troppo spesso in passato vero punto debole.

Raspadori e Bremer
Raspadori e Bremer
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-09-2021


32 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
1 mese fa

Altro dubbio; spero che la preparazione atletica sia stata fatta per tutto il campionato e non solo per racimolare il maggior numero di punti nel girone di andata

ardi06
ardi06
1 mese fa

Speriamo, sicuramente il centrocampo aiuta molto di più la difesa che in precedenza, ma continuo ad avere dubbi sulla stessa e sul portiere. Ovviamente spero di essere smentito dai fatti

tore110
tore110
1 mese fa

Piuttosto dopo anni e anni , si è deciso di investire sul centrocampo , già con l’innesto di Mandragora si era migliorati. Dopo anni e anni di Rincon e Baselli in cui abbiamo rimpianto seriamente Vives e Gazzi ( onore a loro ) e dopo che persino i muri invocavano… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
1 mese fa
Reply to  tore110

Però la domanda è; ci sono voluti 16 anni per avere un buon centrocampo? Si sono svegliati all’improvviso o e fatto scientemente. E poi, cairo a fine campionato li riscatterà tutti, vendendo i meno utili e puntellando ulteriormente la squadra, o smonterà tutto, come già successo in passato in cui… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 mese fa
Reply to  ardi06

Altro errore di valutazione per @ardi Il Toro 7°, ma anche quello dell’anno successivo, non ha venduto nessuno, ma anzi tenuto “con la forza” tutti Risultato? lo conosciamo tutti! @ardi ha l’abitudine di semplificare il tutto (sul bilancio poi è un fenomeno) ma la realtà è ben diversa La squadra… Leggi il resto »

Toro, i gol arrivano dalla panchina: è successo in tutte le partite

Pjaca + Brekalo: l’infortunio di Praet può spalancare le porte alla fantasia croata