Torino-Frosinone, i Top e i Flop: finalmente un gol nel primo tempo

15
Top e Flop
Andrea Belotti of Torino FC celebrates with his teammates after scoring the opening goal during the friendly football match between Torino FC and OGC Nice.

Ecco il meglio e il peggio della sfida di venerdì sera tra Torino e Frosinone al Grande Torino: i lgranata non regalano il primo tempo, Longo acclamato dal pubblico

In casa, davanti al pubblico del Grande Torino il Toro di Walter Mazzarri trova la seconda vittoria consecutiva in Torino-Frosinone. Un successo non senza qualche problema, con Belotti e compagni che dopo essere andati sul 2-0 si fanno rimontare dal Frosinone di Longo, acclamato dal pubblico granata al suo ingresso in campo, prima di trovare lo splendido gol di Berenguer che regala alla formazione di casa i tre punti. Ecco dunque cosa ha funzionato venerdì sera al Grande Torino e cosa, invece, non è andato bene.

Torino-Frosinone, i Top della partita

Il primo tempo del Toro. Primo tempo, finalmente. A differenza delle precedenti 7 gare, questa volta il Toro non regala i primi 45 minuti agli avversare e, anzi, trova anche il primo gol siglato nella prima frazione di gioco. Vero, sul finire del tempo i granata hanno abbassato notevolmente i ritmi di gioco ma per la prima volta l’ingresso in campo è stato eseguito con il giusto piglio.

La reazione dopo il pari del Frosinone. Poteva essere una figuraccia, potevano essere due punti buttati al vento e invece il Toro, dopo aver subito il pareggio del Frosinone, trova la giusta reazione e riagguanta il vantaggio e la vittoria finale.

Certo, buttare al vento un doppio vantaggio in poco più di 5 minuti è un rischio che davvero il Toro non si può permettere di correre ma la reazione vista in campo e la voglia di portare a casa i tre punti sono certamente un buon punto da cui ripartire.

Il gol di Berenguer. Finalmente il gol. La rete annullata contro l’Udinese gli aveva lasciato l’amaro in bocca e non poco ma la rete eccezionale siglata al Frosinone lo ripaga certamente del lavoro fatto.

Fino al momento del gol non aveva brillato particolarmente la sua è una rete determinante: si toglie qualche sassolino dalla scarpa, risponde presente e regala tre punti alla squadra.

L’accoglienza a Longo e Molinaro. Per i tifosi del Toro chi rispetta e onora la maglia non viene dimenticato e Longo e Molinaro non fanno eccezione. I successi con la Primavera e l’atteggiamento da professionista dell’ex terzino parlano per loro e al ritorno a Torino, al rientro in quello stadio che è stato anche il loro i tifosi del Toro non hanno fatto mancare il loro tributo. Applausi e cori non si sono fatti attendere e per Longo e Molinaro l’emozione non è stata certo poca.

Torino-Frosinone, i Flop della partita

L’appannamento del secondo tempo. La partita finisce al 90′ e arrendersi prima, pensando di avere il risultato in tasca, può portare brutte sorprese. La dormita del Torino dopo il secondo gol poteva costare carissimo ai granata e Mazzarri ne è perfettamente consapevole.

La reazione c’è stata e lo splendido gol di Berenguer ha salvato la partita ma l’errore va corretto e subito: con avversari più corazzati l’esito potrebbe non essere lo stesso.

L’arbitraggio. Al netto di ciò che di buono e meno buono ha fatto vedere il Torino in campo, ancora una volta l’arbitraggio è stato tutt’altro che perfetto. Cerca di arbitrare all’inglese, chiudendo spesso un occhio ma in occasione del primo gol del Frosinone si fida troppo di Giacomelli. Se fosse andato a rivedere la Var probabilmente si sarebbe accorto del fallo su Sirigu.

più nuovi più vecchi
Notificami
brigolo
Utente
brigolo

flop …. il 3 5 2 non è il modulo per questa squadra, un munero impressionante di passaggi sbagliati, pochi uomini che sanno saltare l’uomo, cross questi sconosciuti. Berenguer mi sembra insieme a Falque quello con il più alto tasso tecnico, per cui lo proverei dietro le due punte.

Roby65(Filasempre)
Utente
Roby65(Filasempre)

Ot ma la pubblicità con la maglia di CR….

Viaggiatore
Utente
Viaggiatore

Tra i segnali positivi, non dico top, direi lo scambio pregevole tra Rincon e Zaza per il gol.
Seppure fuori da schemi di Mazzarri, è da considerare Parigini entrato subito in partita ed è stato pure decisivo. Gli altri cambi non hanno influito.