Torino-Genoa, riecco la sfida in Coppa Italia: mancava da 15 anni - Toro.it

Torino-Genoa, riecco la sfida in Coppa Italia: mancava da 15 anni

di Giulia Abbate - 9 Gennaio 2020

I precedenti di Torino-Genoa in Coppa Italia / L’ultima sfida risale al 2004/2005: 3-3 il risultato con i granata che passano il turno

Sono passati 15 anni da quel 29 agosto 2004, data nella quale il Torino affronta per l’ultima volta in ordine di tempo il Genoa in Coppa Italia. Una sfida che ha visto le due formazioni affrontarsi nella fase a girone del Torneo chiudendo la sfida con un 3-3 che per i granata guidati da Rossi ebbe il sapore della vittoria. Eroe di giornata fu Pinga con due assist e un gol, il terzo. Insieme a lui erano andati a segno Mezzano, in risposta al momentaneo vantaggio genoano di Milito, e Marazzina. Il punto guadagnato dai granata è più che sufficiente per chiudere il Girone in testa con 7 punti (3 in più proprio del Genoa) e passare il turno ed entrare nel tabellone principale di Coppa Italia.

Coppa Italia, la sfida del 2003/2004 e le proteste in Serie B

Anche la stagione precedente Torino e Genoa si affrontarono in campionato ma questa l’esito fu ben diverso. Almeno per il Toro. I granata guidati da Ezio Rossi, infatti, passano a Marassi per 1-0 grazie alla rete di Tiribocchi dopo appena 10 minuti ma la vittoria non basta per proseguire la strada nel torneo. A penalizzare i granata, come del resto capitò ad altre formazioni, furono le proteste per l’allargamento della Serie B a 24 squadre. Proteste che portarono molte formazioni a disertare la prima fase della competizione non disputando le fide in programma e vedendo assegnata la vittoria a tavolino all’avversaria. Per il Toro le sfide in questione furono 2: quella contro il Cesena e quella contro il Livorno. Al termine della fase a gironi i granata chiuderanno al 3° posto con un solo punto all’attivo.

Torino-Genoa, i granata passano ai rigori e chiudono al 2° posto

Se di Coppa Italia si parla, non si può non considerare la sfida tra Toro e Genoa della stagione 1963/64. Era il primo incontro tra le due formazioni nella Coppa Nazionale: dopo il pareggio per 1-1, con Ferrini che risponde a Bean, i rigori premiano i granata che volano ai quarti di finale dove archiviano la pratica superando con un nettissimo 4-1 l’Inter. Per il Toro di Rocco il percorso regala poi la semifinale contro la Juventus, battuta per 2-0, e poi la finale contro la Roma.

Una finale che vide Torino e Roma contendersi non solo il trofeo ma anche l’accesso alla Coppa delle Coppe. La finale, infatti, venne programmata per l’inizio della stagione successiva (6 settembre 1964) facendo scaturire un problema: la FGC dovette designare d’ufficio la rappresentante italiana per la Coppa delle Coppe. Le due società risolsero il problema accordandosi: al Toro sarebbe andata l’ammissione al torneo, forte della miglior posizione in campionato, mentre alla Roma il diritto di giocare in casa la finale di Coppa Italia. Una decisione che si rivelerà provvidenziale per il Torino: in finale, infatti, dopo il pareggio a reti bianche e la decisione della Federcalcio di ripetere la sfida in casa granata, la Roma sbanca il comunale e vince la Coppa Italia diventando una delle pochissime squadre (Juventus e Napoli le altre) a non disputare la Coppa delle Coppe nonostante il successo nella coppa nazionale.