I Top e i Flop di Torino-Genoa / Ritorno alla vittoria importante per i granata, che però perdono un’altra pedina importante

Tanto attesa quanto voluta, la vittoria è finalmente tornata in casa Toro. Se le ultime prestazioni hanno infatti visto i granata brillare senza raccogliere quanto meritato, contro il Genoa gli sforzi sono stati premiati. Dopo un primo tempo a senso unico grazie alle reti di Sanabria e Pobega, l’atteggiamento delle due formaizoni in campo si è però invertito. Il gol annullato a Linetty, che avrebbe ipotecato i tre punti, ha fatto da iniezione di fiducia al Genoa. I cambi di Ballardini hanno minato temporaneamente la buona prestazione offerta fino a quel momento dai padroni di casa. Juric si è però giocato gli assi nella manica: il rientro di Belotti e Praet ha infatti assicurato quella qualità necessaria a chiudere definitivamente i conti. Brekalo ci ha infine messo un punto. Di seguito, i Top e flop del match contro il Grifone.

Torino-Genoa 3-2: i Top

Il ritorno alla vittoria. Più di un mese e diverse delusioni dopo, il Toro è tornato a vincere e l’ha fatto sotto gli occhi del proprio pubblico. L’ultimo periodo ha visto i granata offrire prestazioni positive, stroncate però dai finali delle partite grazie a reazioni avversari o errori individuali. Lazio, Venezia, Juventus e Napoli: il denominator comune è stato lo stesso in tutti e quattro i match. Contro il Genoa però, una maggiore attenzione unita a più incisività in attacco ha assicurato i tre punti e ne ha giovato anche la classifica. Il Toro ha infatti recuperato terreno e una posizione.

La tecnica di Ansaldi e Brekalo. Se il risultato finale si è tinto totalmente di granata è anche grazie all’argentino ed il croato. Entrambi si sono resi provvidenziali nel corso della partita, contribuendo al doppio vantaggio già nei primi quarantacinque minuti. La loro tecnica unita alla velocità ed alle letture di gioco hanno facilitato il lavoro ai compagni. Sempre pronti e nel posto giusto, si sono mangiati la difesa avversaria. Ansaldi, imprendibile sulla fascia, ha ancora una volta offerto l’assist perfetto a Sanabria. Brekalo dal canto suo, ha siglato il cercato quanto voluto gol della vittoria. Di più non si poteva chiedere.

Il rientro di Praet e Belotti. Nel momento di difficoltà maggiore, che ha visto il Genoa accorciare le distanze, Juric ha tirato fuori i suoi due assi nella manica. Praet è rientrato a pieno regime, dando il guizzo necessario a riprendere le redini del match. Il suo ingresso in campo sposta nuovamente gli equilibri e gli consente di servire al millimetro Brekalo. Non è però da solo in questa impresa. Al suo fianco c’è Belotti, uno del tutto diverso da quello visto contro il Napoli, che ha ricordato quello di qualche anno fa. Con il rientro, è tornata anche la fame di gol. Il Gallo ha tentato in tutti i modi di rialzare la cresta senza riuscirci, ma conquistando falli importanti e servendo in più occasioni i compagni. Questo è il Belotti che serve al Torino.

Torino-Genoa 3-2: i Flop

La rimonta subita. Lazio, Venezia, Juventus, Napoli ed infine Genoa, cinque partite contro squadre di livelli diversi ma che hanno una cosa in comune: le rimonte nel finale. Il vizio nato con Giampaolo non è andato perso nonostante il cambio di guardia in panchina. Anche contro il Grifone i granata hanno rischiato di rovinare quanto fatto, grazie all’efficacia dei cambi di Ballardini ed un calo di ritmo. Prima Destro, poi Caicedo hanno per qualche istante costituito un pericolo concreto. Alla fine però, la perseveranza è stata ripagata ed il danno è stato limitato a due gol subiti e tre punti in più sul taccuino.

Il calo di Bremer. A sorpresa, il brasiliano è diventato una delle note stonate del match. Per la prima volta dopo diverso tempo, ha infatti perso la sua tendenza alla perfezione. Qualche disattenzione ed un calo all’aumento di aggressività messo in atto dal Genoa, hanno infatti macchiato la sua performance e con essa anche quella del Toro. Sul gol di Destro non è infatti salito come il resto dei compagni, tenendo l’avversario in gioco e rendendo valida la rete. Ogni tanto anche i migliori sbagliano, ma la speranza è che non riaccada tanto presto.

Un altro infortunio. Uno degli handicap che ha caratterizzato questo inizio di stagione è non avere mai avuto a disposizione la rosa completa. In più di un’occasione, Juric si è ritrovato a dover fare i conti con assenze pesanti, alcune delle quali ancora in corso (Pjaca e Verdi). La sfida contro il Grifone ha visto un nome aggiungersi alla lista: quello di Cristian Ansaldi. L’argentino è infatti stato costretto ad uscire dal campo al 26′ del secondo tempo per un problema muscolare che verrà valutato nei prossimi giorni. Non il più lieto dei finali per il fenomeno della corsia sinistra granata costretto nuovamente ai box.

Torino, esultanza dopo il gol di Brekalo
Torino, esultanza dopo il gol di Brekalo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 23-10-2021


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
odix77 (@odix77)
1 mese fa

a me sembrava buongiorno in ritardo sul gol, ma potrei sbagliare.

Sirigu, ritorno tra gli applausi: ma Vanja non lo fa rimpiangere

Brekalo ubiquo e goleador: il Toro se lo gode