Zima è il più utilizzato, Warming ha avuto più bassi che alti. E poi ci sono gli ultimi tre arrivati, a caccia di una conferma per la prossima stagione

Un Toro che all’apparenza non ha un vero e proprio obiettivo ma che ha una rosa di calciatori che invece di obiettivi personali ne hanno, e non sono pochi. Ci sono i granata che vogliono meritarsi il riscatto (da Pjaca a Brekalo, senza dimenticare Praet) ma pure i giovani che in questi ultimi mesi si giocheranno la conferma, al di là della formula con la quale sono arrivati al Torino. Da Zima a Pellegri, da Seck a Ricci e Warming: scommesse e calciatori da lanciare, che di questo “apprendistato” con Juric devono approfittare per convincere a fine campionato il club a puntare ancora su di loro.

Zima il più utilizzato

Due di loro sono in granata da questa estate. Uno è arrivato come oggetto misterioso, Warming, e poco prima di Natale sembrava addirittura potesse ritagliarsi dello spazio, salvo poi ritornare a faticare per trovare il campo. Occasioni ne ha invece avute decisamente di più Zima (14 presenze per un totale di 853 minuti): per Juric è l’ideale nella posizione di Bremer ma la titolarità del brasiliano ha spinto l’allenatore ad alternarlo a Djidji, con buoni risultati. Tra i “giovani” è certamente quello che ha sfruttato meglio le partite che lo hanno visto protagonista.

Pellegri: tre mesi per la conferma

Ci sono poi gli ultimi arrivati, le tre scommesse. Ricci, Seck, Pellegri. A giudicare da quanto finora visto per il primo sarà complicato ritagliarsi dello spazio, anche se il ko di Praet e l’utilizzo di Pobega anche sulla trequarti potrebbe regalargli più minuti del previsto da qui alla fine della stagione. Dovrà scalare non poco le gerarchie anche Seck, calciatore che Juric valuterà nei prossimi mesi per capire se sarà il caso di puntare su di lui anche la prossima stagione. Pellegri è un giocatore da ricostruire, al momento è terzo nelle gerarchie ma l’indisponibilità di Sanabria può lanciarlo da vice Belotti. Ed è lì che dovrà dare tutto per far capire all’allenatore di essere ancora quello di Genova.

Samuele Ricci
Samuele Ricci
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-03-2022


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
2 mesi fa

Secondo me il nano ha un contratto da rispettare con qualche ostello; deve sempre occupare una camera, pena aumenti per lui spropositati: Kojak, Warming, e così via tutti gli anni. Questo biondo il prossimo anno sparirà e dentro un altro. Campioni per ostelli

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa

in effetti, qualcuno si stava chiedendo dove fosse il campione dei commenti da asilo, che avrebbero la pretesa di essere comici
(e invece fanno ridere)

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa

Prima la critica non si fa programmazione Adesso che i giovani arrivano e in un certo numero, si critica perchè non giocano subito Siccome la memoria è spesso corta, ricordo che Bremer, ripeto super-Bremer, cioè il giocatore che oggi tutti ci invidiano, per i primi 3/4 mesi (ripeto primi 3/4… Leggi il resto »

torofab
torofab
2 mesi fa

Non basta mai, credo che per alcuni individui la mancata presenza in campo di Ricci sia per loro un danno per non poter sfanmulare l’ennesimo giocatore, giovane tra le altre cose. Su Bremer ci sono utenti che dovrebbero dedicarsi al giro dell’oca e basta visto quello che avevano rigurgitato all’epoca.… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa
Reply to  torofab

già! vero!

Jones
Jones
2 mesi fa

forse l’ho già scritto ma nel pacchetto di Seck e altri due credo che quello in prospettiva più forte sia Dell’Aquila,certo è ancora giovane e con poco fisico,il salto con i grandi è molto grande

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 mesi fa
Reply to  Jones

vero

Difesa, errori e disattenzioni: l’ultimo clean sheet con Gemello in porta

Vojvoda, passo indietro: torna nella “sua” fascia ma non brilla