Da quando la squadra è tornata stabilmente in Serie A, solo con Ventura si sono raggiunti 5 punti in sei gare: nell’era Cairo, il record negativo è di Novellino

Sei punti in 6 gare e 14° posto in classifica. Un inizio non certo brillante per il Torino di Mazzarri che, complice anche gli avversari di livello incrociati in questo inizio di campionato, non è ancora riuscito a trovare la via giusta per risalire la china. Un risultato che, numeri alla mano, risulta il peggior inizio da quando il Toro è tornato stabilmente in Serie A. Peggio, infatti, ha fatto solo la squadra di Ventura nel quarto anno anno del tecnico alla guida della formazione granata. Nel campionato 2014/2015, infatti, Glik e compagni hanno chiuso a quota 5 punti le prime 6 giornate. Un risultato frutto di due pareggi contro Inter e Fiorentina alla prima e alla 6ª uscita stagionale a cui si aggiungono la vittoria contro il Cagliari e due sconfitte contro Sampdoria e Verona.

Torino, avvio lento: con Mihajlovic le partenze migliori

Rispetto a Mazzarri e Ventura, il Torino del secondo corso di Cairo (quello cioè ritornato in Serie A) ha vissuto i migliori inizi di stagione con la gestione Mihajlovic. 13 sono stati i punti conquistati durante il primo anno della gestione dell’allenatore serbo, 8 quelli della seconda. L’avvio sprint non ha però portato ai risultati sperati, dal momento che alla fine del primo anno il Toro non è riuscito a qualificarsi all’Europa League, e nel secondo l’allenatore è stato esonerato a metà stagione. Evidenti sono state le differenze metodologiche di allenamento tra questo e gli altri due tecnici: maggiore brillantezza iniziale per Mihajlovic, lavoro sulla lunga distanza per gli altri due.

L’avvio lento del Torino: con Cairo una stagione a 4 punti

Risalendo agli albori dell’era Cairo, emergono ulteriori particolari circa gli avvii stagionali della squadra. Il record negativo di cinque punti raggiunto con la gestione Ventura era stato eguagliato a ritroso nella stagione 2006/2007 (Zaccheroni) e 2008/2009 (De Biasi). Con Novellino, il Toro fece addirittura peggio, raggiungendo soltanto 4 punti. In quegli anni, però, si trattava di una squadra che lottava costantemente per non retrocedere, senza troppe altre speranze (o meglio con speranze immediatamente tradite dopo poche giornate). Diverso è sicuramente questo Torino, che, anche se non dichiarato, presenta un obiettivo decisamente più ambizioso. Ma ora servono i punti.


83 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
sofferenza (Ventura umiliato, godimento consolidato)
sofferenza (Ventura umiliato, godimento consolidato)
2 anni fa

Ma il Sommo Vater dispensatore di conoscenze ed alzatore di asticelle chissà come si trova ad allenare in Premier L… Ops… In Bundesl… Ops… In Lega Pr… Ops.. A Pizzighett…Ops…dai Mimmo prenditi un malox e festeggia con noi.
😁

roplo
2 anni fa

buona notte cmq o mazzarri da una sterzata con modulo e vittorie in seguito o fuori in mezzo alla strada con calcio nel sedere e chiedere sxusa ….non è capace per ora questo è il verdetto…..

roplo
2 anni fa

sassuolo capito ….il sassuolo ci sta sopra. non so più di quanti punti è andato a casa dei gobbi e all’ ultimo minuto si è mangiato il gol del 2 a 2 dopo che era 2 a 0 sotto….stando sempre in partita con boateng che ha 657 anni 4 3… Leggi il resto »

Izzo battibecca con un tifoso: “Imbarazzanti? Vieni tu a giocare”

Cairo: “Ho visto un Torino volitivo. Europa? Non dico l’obiettivo”