Il giovane turco, dopo essere stato messo ai margini, ha riscontrato un affaticamento: non sarà quindi tra i convocati

La fortuna sembrerebbe aver voltato le spalle all’enfant prodige turco Emirhan Ilkhan. Un infortunio complica ancora di più un periodo non fortunatissimo. Non scende infatti in campo da San Siro, ultima delle tre presenze collezionate. Un magro bottino che si riduce ulteriormente a causa di un affaticamento che lo escluderà dai convocati per il Milan. A comunicarlo ci ha pensato Ivan Juric durante la conferenza di presentazione. Già in passato lo stesso tecnico aveva spiegato perché Ilkhan gioca così poco e sulle scelte fatte nei suoi confronti. Non è pronto fisicamente e si è visto con il croato che ha virato verso Adopo.

Emirhan Ilkhan
Emirhan Ilkhan
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-10-2022


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Bologna65@
Bologna65@
26 giorni fa

Any problem! Tanto non avrebbe giocato.

paolo 67 (tabela)
paolo 67 (tabela)
27 giorni fa

Se ad una rosa incompleta si aggiungono giocatori nn pronti , come questo bambino, gl’ infortuni, i giocatori scarsi, ecco che ti ritrovi la cairesefc, a SAN JURIC si chiede un’ altro miracolo, ma i miracoli capitano ogni tanto, nn li puoi prenotare, ne pretendere, puoi solo sperarci. La cairesefc… Leggi il resto »

Claudio Sala 68
Claudio Sala 68
27 giorni fa

L’ho visto contro il Lecce e non aveva giocato male, anche con personalità. Con l’Inter era stato un errore farlo giocare, non serviva lui in quel momento. Non mi è sembrato però un fenomeno dal punto di vista tecnico e oltretutto mi è sembrato ancora “non adulto” fisicamente

davidone5
davidone5
27 giorni fa

Corretto, fisicamente siamo ancora molto a lontani da quello che serve in serie A, tatticamente deve migliorare perchè è giovane ed ha bisogno di insegnamenti. In poche parole deve giocare in una squadra minore per fare esperienza.

Djidji su Leao, Rodriguez su Messias: le mosse di Juric

Contro il Milan è la partita di Vlasic: ex obiettivo rossonero, ora leader del Torino